INFO MEDIA NEWS
EVENTI NEWS PRIMA PAGINA SLIDE TV

Civitella Roveto, focus del Centro Pensionati sulla chirurgia vascolare

Venerdì 29 l’incontro formativo sull’aneurisma dell’aorta addominale

Il Centro Culturale Ricreativo Pensionati “Monte Viglio” di Civitella Roveto organizza un incontro di chirurgia vascolare venerdì 29 novembre alle 15.45 al Teatro Comunale, per informare e prevenire sul problema dell’aneurisma dell’aorta addominale.

Si parlerà dell’aneurisma dell’aorta addominale per approfondire e puntare il focus su diagnosi, trattamento e prevenzione. L’aorta è il principale vaso sanguigno del corpo. Essa decorre dal cuore attraverso il torace fino a raggiungere l’addome dove si divide per fornire sangue agli arti inferiori.

Si tratta di un problema che colpisce mediamente 84 mila italiani l’anno, soprattutto gli uomini ultrasettantenni, i fumatori, coloro che soffrono di pressione alta o colesterolo alto o può essere causata da fattori genetici. La diagnosi precoce può salvare molte vite, per questo i pensionati di Civitella hanno deciso di mettere in atto questa iniziativa per diffondere le informazioni necessarie, iniziando così da una corretta informazione e un’opportuna conoscenza del problema.
Il relatore sarà il dottore Giovanni De Blasis, già Primario del reparto di Chirurgia Vascolare all’Ospedale Civile di Avezzano, che da anni si occupa della materia, dell’angiologia e appunto di chirurgia vascolare.
L’incontro è aperto a tutti. L’Associazione ed in particolare il presidente Giuseppe Dosa invitano a prendere parte all’incontro a prescindere dall’età. Al termine dell’evento si terrà un buffet offerto dall’organizzazione.

Per ulteriori informazioni è possibile contattare il numero 3285614090.

Altre notizie che potrebbero interessarti

VIDEO. Resta in carcere Andrei Feru, accusato dell’omicidio della badante: così si (ri)esprime il Riesame dell’Aquila

Gioia Chiostri

Omicidio Vasto, autopsia: D’Elisa colpito da tre spari, uno fatale al collo

Redazione IMN

Infrastrutture regionali: l’Abruzzo vuole un tavolo permanente, tra la protesta romana e la certezza della sicurezza

Redazione IMN