INFO MEDIA NEWS
NEWS Politica SLIDE TV

Cintarella, Lobene vs Camilli: “Grave emendamento che toglie fondi a sicurezza”

Il sindaco di Trasacco, Cesidio Lobene, si scaglia contro il consigliere provinciale Fabio Camilli. "E' grave presentare un emendamento che toglie fondi alla sicurezza stradale. Amareggiati di sentir dire che si è trattato di una regalia fatta al nostro Comune".

Trasacco, Lobene: "Vi chiedo di collaborare, è importante"

“In merito alle considerazioni diffuse sulla stampa dal consigliere della Provincia dell’Aquila, Fabio Camilli, sul contributo di 32mila euro concesso dalla Provincia per la sistemazione della strada della “Cintarella” occorrono, da parte di questa amministrazione, alcune precisazioni e delucidazioni”. Non si fa da parte il sindaco di Trasacco, Cesidio Lobene, dopo aver appreso delle dichiarazioni del consigliere provinciale Fabio Camilli, che, nell’ultima assise della Provincia dell’Aquila, si è astenuto sul voto nei confronti dell’acquisizione da parte della Provincia dell’arteria stradale della Cintarella, proponendo anche un emendamento, che stralcia di fatti dalla delibera il contributo di 32.000 euro.

Cesidio Lobene replica: “Principalmente segnaliamo la pericolosità della carrabile che ha, purtroppo, provocato nel corso degli ultimi anni gravi incidenti con perdite di vite umane e l’annosa questione delle responsabilità e le competenze su l’intero asse”.

“Siamo amareggiati di dover leggere che il consigliere Fabio Camilli consideri il contributo ‘una regalia al Comune di Trasacco’ che, facciamo notare, non sarà utilizzato per la festa patronale bensì per garantire maggiore sicurezza e salvaguardia di vite umane. Oggi le municipalità attraversano difficoltà economiche derivanti dalla crisi economica e reperire fondi per la manutenzione delle nostre strade è sempre più complicato; per queste motivazioni e condividendo le difficoltà con i Comuni di Pescina, San Benedetto dei Marsi e Ortucchio, abbiamo messo a disposizione, gratuitamente, la nostra struttura tecnica per uno studio di fattibilità e l’impegno a realizzare i lavori. Si tratta dunque di un accordo tra comuni, con governi di diverse appartenenze, ma uniti per il bene comune di tutti i cittadini, azioni per garantire un minimo di sicurezza sull’arteria”.

“Se il consigliere e Sindaco di Acciano, Fabio Camilli, vorrà con il suo comune diventare capofila di questo intervento, – afferma il sindaco – volentieri cederemo il contributo mettendo a sua disposizione l’intero studio fatto. Davvero non riusciamo a comprendere la presentazione di un emendamento che tolga i fondi alla sicurezza stradale e la sua solitaria posizione, non condivisa da tutti i consiglieri di minoranza, dimostra un ostruzionismo senza giustificazioni. Ringraziamo invece la Provincia dell’Aquila che si è assunta la responsabilità di acquisire la strada e il consigliere delegato alla viabilità, Gianluca Alfonsi che, con i consiglieri della Marsica, ha sempre sostenuto le richieste di tutte le amministrazioni”, così conclude il primo cittadino.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Inchiesta Ospedale Chieti: Febbo ascoltato in Procura

L'avvocato dell'ex assessore di Forza Italia: "Sul contenuto della cassetta di sicurezza del mio ...
Redazione IMN

Di Pangrazio: “Le mie prime azioni saranno contro il Covid”

Si sta formando la nuova Giunta, nascerà forse una delega specifica per l'emergenza virus.
Redazione IMN

Avezzano, nascondeva una pistola sotto il cuscino: arrestato

Gioia Chiostri