Spazio Pubblicitario

INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS SLIDE TV

Chiusura P.p.i. Pescina e Tagliacozzo, De Angelis precisa: «Sono stato male interpretato»

Giunge immediata la risposta del primo cittadino di Avezzano, Gabriele De Angelis, al comunicato diffuso alla stampa, dei sindaci di Pescina e Tagliacozzo, Stefano Iulianella e Vincenzo Giovagnorio, in merito alle presunte dichiarazioni di De Angelis sulla chiusura dei presidi sanitari siti nei territori da loro amministrati.

 

«Mai parlato di chiusura di Tagliacozzo e Pescina, ma di valorizzazione delle eccellenze e ottimizzazione dei servizi sanitari presenti, in sinergia con le vocazioni e le esigenze del territorio. Pronto al confronto, ma nel rispetto reciproco», è la precisazione a firma del sindaco di Avezzano.

 

«Le dichiarazioni rese dai colleghi sindaci di Tagliacozzo e Pescina dimostrano che sono stato mal interpretato. Nel mio intervento in Ospedale non ho parlato di chiusure, mi sono limitato a sollecitare la valorizzazione delle eccellenze, laddove presenti, e l’ottimizzazione dei servizi sanitari anche attraverso il ricorso a rotazioni e a un migliore impiego delle risorse disponibili, il tutto finalizzato non solo alla salvaguardia tout court dei presidi ma assecondando la vocazione degli stessi».

 

«Mi ha stupito, tra l’altro, il tono poco istituzionale usato dai colleghi e i riferimenti politici estranei all’annosa questione sanitaria che affligge la sanità marsicana, emergenza sulla quale ribadisco la piena disponibilità a confrontarmi con la necessaria serenità e nel rispetto degli interlocutori, colleghi che stimo e con i quali auspico di potermi presto incontrare per ragionare insieme sul modello sanitario marsicano del futuro».

 

 

Fonte: Ufficio Stampa Comune di Avezzano

 

Foto di: abr24.it

 

Altre notizie che potrebbero interessarti

Falsi certificati medici: l’avvocato chiarisce la posizione del consigliere Alfonsi

Redazione IMN

Trovato senza vita il disperso di Campotosto: le sue tracce s’erano perse mercoledì

Redazione IMN

Ancora sversamenti nel fiume Liri, è lo scenario di un film horror

Redazione IMN