INFO MEDIA NEWS
NEWS PRIMA PAGINA SLIDE TV Sport

Chieti, rivive 70 anni dopo Gran Criterium Vetturette

Al via 21 vetture,la più datata è Fiat 501 Sport Corsa del 1923

La più datata è una Fiat 501 Sport Corsa del 1923, ma ci saranno anche un’auto eccezionale per quei tempi ovvero una Stanguellini sport 1100 CS degli anni ’50, fra le protagoniste, domani a Chieti, del Gran Criterium Vetturette, manifestazione motoristica dedicata alle monoposto e biposto sportive 750 di cilindrata che torna a Chieti dopo 70 anni esatti.

Sono 21 le vetture e gli equipaggi iscritti provenienti da tutta Italia: tra le altre una Ermini 1100 sport, la Amilcar, una Jaguar SS 100 e una Fiat 509 SM degli anni ’30, una Lester Riley, una Fiat 1100 sport Lion, una Fiat 909 della fine degli anni ’30, una Elva Mk1 del 1956, una Giaur 750 sport del 1950, una Singer Le Man del 1934, Osfa750 del 1951.

E, proprio come nel 1952, alla prima edizione, sarà presente il segretario generale dell’Aci, Gerardo Capozza; ci saranno poi 11 equipaggi Ferrari con la partecipazione del Ferrari club Italia “Passione Rossa”.

Alle 9 prenderà il via la gara di regolarità fino a Fara San Martino con le Ferrari che partiranno a distanza di un minuto l’una dall’altra, alle 10 partirà il primo equipaggio delle vetturette e poi, ogni minuto, l’equipaggio successivo. Alle 17 dalla Villa comunale di Chieti comincerà la gara cittadina di regolarità che vedrà protagoniste le vetturette: sarà ripetuto per cinque volte un percorso di 1,9 km con le auto che partiranno quattro per volta.

Il Gran Criterium Vetturette è stato organizzato da Ruote Classiche Teatine, club affiliato ad Aci Storico, in collaborazione con Aci Chieti, Comune di Chieti e Regione Abruzzo. “Ci piace recuperare quello che è il patrimonio storico – spiega il presidente dell’associazione, Filippo Rosa -, almeno cercare di dargli anche una dignità culturale, non solo di motori e rumori. E cercare di farla diventare un’opportunità sia per far vivere Chieti e per proiettarla in una dimensione che altrimenti non le apparterrebbe, quella del mondo del motorismo storico. E anche per fare un po’ affezionare i più giovani che non conoscono queste cose. A fargliele vedere, a far sentire il rumore da ragazzini: succederà quello che è successo 50 anni fa alle persone che oggi, da anziani, vengono a vedere la garetta perchè ci andavano col padre”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Consiglio comunale straordinario a L’Aquila

All'Odg la vicenda Accord Phoenix che interessa numerosi lavoratori
Redazione IMN

Umberto I, positivi 10 pazienti su 10

E' allarme all'interno dell'ex ospedale di Tagliacozzo. Sono 15 i casi conclamati di positività al ...
Redazione IMN

Trasporti: Regione delibera modalità rimborso

Previsto un voucher sulla base dei giorni di mancato utilizzo dei titoli di viaggio
Redazione IMN