INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS PRIMA PAGINA SLIDE TV

Celano: ok restauro affresco “San Giorgio e il Drago”

"Ulteriore elemento attrattivo per le Gole di Celano-Aielli e quindi per il turismo"

Celano

L’Amministrazione Comunale ha avviato l’iter procedurale per realizzare il restauro conservativo dell’affresco “San Giorgio e il Drago” che si trova tra le montagne che delimitano le Gole di Celano-Aielli e precisamente in località Monte San Vittorino.

E’ quanto rende noto il Sindaco Settimio Santilli, che aggiunge: “In questi giorni ci siamo rivolti alla Soprintendenza Archeologica richiedendo il necessario nulla osta e ulteriori indicazioni in merito. Una richiesta necessaria al fine di avviare i lavori per il restauro del dipinto rupestre che si trova in località monte San Vittorino. Un’opera di grande valore, risalente probabilmente al XII-XIII secolo, della quale pochi ancora oggi conoscono l’esistenza”.

Per procedere al recupero dell’affresco è stata recepita la segnalazione del Cai, sottosezione di Celano che ha espresso la volontà di restaurarlo. Il Cai, infatti, ha evidenziato come sull’opera fossero visibili fenomeni di degrado e distacchi di intonaco a causa degli agenti atmosferici e dello scolo delle acque piovane sulla parete.

“Dobbiamo essere grati al Cai per la sollecita segnalazione e per la reazione che ha prodotto al fine di sensibilizzare a eventuali interventi di recupero. Il nostro primo passo – aggiunge il Sindaco – è stato quello di avviare la relativa procedura normativa. La nostra richiesta è stata ben accolta e posso affermare con grande soddisfazione che il Ministero della Cultura, Direzione Generale Archeologia Belle Arti e Paesaggio-Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio, ha rilasciato la formale autorizzazione ai lavori di recupero e di restauro dell’importante opera muraria”.

Il restauro dell’affresco di San Giorgio e il Drago non rappresenta solamente il recupero di un affresco di grande rilevanza artistica ma – come sottolinea ancora il Sindaco Santilli – sarebbe un ulteriore elemento attrattivo per le Gole e quindi per il turismo, oltre che un tassello importante della storia e della cultura locale. Affinché ciò possa accadere nel più breve tempo possibile attiveremo tutte le strade percorribili, coinvolgendo nel programma di recupero esperti e tecnici di chiara fama.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Al Teatro dei Marsi va in scena “La Sirenetta”

Appuntamento domenica 14 novembre
Redazione IMN

#Insiemesivince, Sofia Santucci veste d’oro l’Abruzzo della Scherma

Gioia Chiostri

Migranti a Civita D’Antino, 16 sottoposti a tampone

Il sindaco: “Ancora non conosco il numero degli ospiti”
Redazione IMN