INFO MEDIA NEWS
Cronaca NEWS SLIDE TV

Carta Qualità dei centri vaccinali, il monitoraggio

Diversità regionali e incompleta realizzazione del Piano Vaccini

Anagrafi vaccinali consultabili a tutti gli operatori solo in alcune regioni; pediatri che, ad esempio in Marche, Umbria, Veneto, effettuano solo l’antinfluenzale ma non altri vaccini; accordi per il coinvolgimento di medici di medicina generale nelle vaccinazioni non presenti in tutte le regioni.

I servizi vaccinali risentono della mancanza di una regia, frutto anche di una incompleta realizzazione del Piano Nazionale vaccini 2017-2019.

A evidenziarlo è il monitoraggio realizzato da Cittadinanzattiva tra settembre e novembre 2021, da cui è nata la Carta della qualità dei servizi vaccinali.

Il documento, presentato nei giorni scorsi e realizzato con il supporto non condizionato di Gsk, Msd e Sanofi assieme a clinici, operatori dei servizi di prevenzione, associazioni di pazienti e istituzioni, si basa su 6 principi: accesso uniforme sul territorio; informazione, comunicazione e trasparenza; formazione e aggiornamento; digitalizzazione e semplificazione; raggiungimento degli obiettivi di prevenzione e copertura vaccinale; valutazione della qualità offerta.

Tra le raccomandazioni della Carta, la produzione e diffusione di campagne informative; accesso semplice e rapido a tutte le informazioni; promozione di una formazione omogenea per tutti i soggetti con cui sono presenti accordi; ottimizzazione dell’Anagrafe vaccinale nazionale; potenziamento del Fascicolo Sanitario Elettronico; pubblicazione, anche per le vaccinazioni raccomandate (Herpes Zoster, Pneumococco e richiamo Difterite-Tetano-Pertosse per adulti), dei dati di copertura annuale, come già avviene per l’antinfluenzale.

“Al fine di garantire l’erogazione, l’omogeneità e la piena fruibilità delle vaccinazioni inserite nel calendario vaccinale, sarà inoltre necessaria una attiva partecipazione dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta nelle vaccinazioni, prevedendo specifici impegni nell’ambito degli accordi integrativi regionali”, dichiara Valeria Fava, responsabile del coordinamento politiche della salute di Cittadinanzattiva.

Altre notizie che potrebbero interessarti

ISWEB Avezzano ospita Cus Catania: centrare secondo risultato

Troiani: “L’obiettivo è migliorare la prestazione di domenica scorsa a Napoli, nonostante la nostra ...
Redazione IMN

Terremoto Croazia, Marsilio: “L’Abruzzo è a disposizione”

Il governatore: "La Regione Abruzzo è a disposizione tramite l’Agenzia regionale di Protezione ...
Redazione IMN

Finanziamenti, oltre 6 milioni e mezzo di euro per le scuole e le strade della Provincia dell’Aquila

Redazione IMN