INFO MEDIA NEWS
Cronaca NEWS PRIMA PAGINA SLIDE TV

Carabinieri TPC recuperano opere rubate a Ofena e Rocca Santa Maria

I sequestri nell’ambito dell’operazione internazionale “Pandora III”

L’operazione internazionale “Pandora III” coordinata da Interpol ed Europol per il contrasto simultaneo in più Paesi alla commercializzazione di beni d’arte di provenienza illecita ha dato buoni frutti anche per l’Abruzzo: sono stati sequestrati a Roma due capitelli corinzi lignei del XVIII secolo, parziale provento del furto commesso nel marzo 2013 nella chiesa “San Martino” di Rocca Santa Maria in provincia di Teramo e a Grottammare in provincia di Ascoli Piceno è stato sequestrato un dipinto del XVI secolo raffigurante “Madonna con Bambino e Santi” dell’artista Cesura Pompeo provento del furto commesso nel settembre 2013 a un privato di Ofena in provincia dell’Aquila.

Nella settimana di azione coordinata, il Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale con il supporto dell’Arma territoriale e in collaborazione con la Direzione Centrale Antifrode e Controlli dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Stato ha effettuato 56 controlli ad aree terrestri d’interesse archeologico e monumentale ed ha:

verificato 108 esercizi antiquariali, case d’asta, gallerie, restauratori e trasportatori;
controllato 17 opere in transito presso porti, aeroporti e aree doganali;
contestato 3 violazioni amministrative;
identificato 116 persone;
denunciato 26 persone in stato di libertà;
verificato 329 beni nella Banca Dati dei beni culturali illecitamente sottratti, localizzando 17 opere su cui sono in corso indagini tese al recupero;
sequestrato 367 beni culturali per un valore complessivo di € 5.510.000.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Il festival delle piccole voci il prossimo 9 giugno

Da una idea del direttore artistico Adele Salvucci
Redazione IMN

Pepe per la difesa della costa ad Alba Adriatica

Duro attacco del Consigliere Pd al Sottosegretario D’Annuntiis
Redazione IMN

Salvo il Teatro Marrucino? La Regione stanzia 500mila euro

Redazione IMN