INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS

Capodanno: i consigli della Polizia per un uso corretto e consapevole dei fuochi d’artificio

Usare in modo corretto e consapevole i fuochi artificiali nei festeggiamenti della notte di fine anno: è questo l’obiettivo della campagna di informazione e sensibilizzazione messa in atto dalla Polizia di Stato. Sul sito www.poliziadistato.it sono infatti disponibili dei video tutorial nei quali un medico, un artificiere ed un cinofilo della Polizia di Stato mettono in guardia i cittadini sui rischi connessi all’uso degli artifici pirotecnici soprattutto quando vietati e non conformi alla normativa europea.

 

Negli ultimi anni, anche grazie a questi consigli, sono diminuiti i feriti ed i decessi, in particolare durante la notte di Capodanno. Nei giorni che precedono le festività natalizie e i festeggiamenti di fine anno le Forze dell’Ordine sono, inoltre, impegnate a controllare e a sequestrare il materiale pericoloso e non conforme alla normativa vigente. In questa attività di contrasto, nei giorni scorsi la sola Polizia ha sequestrato oltre 2.800 proiettili, più di duemila chili di prodotti esplodenti classificati, 2.300 chili di giochi pirotecnici marcati Comunità Europea e oltre 11 mila pezzi non pesati per la difficoltà e la pericolosità di manipolazione degli stessi.

 

Gli operatori di Polizia Amministrativa hanno anche sequestrato quasi 2.600 chili di polvere da sparo. Le ultime operazioni in ordine di tempo sono avvenute a Pavia con 55 chili di fuochi trovati, e a Taranto con 59 chili. In totale sono state denunciate 104 persone da tutte le Forze di Polizia (52 dalla Polizia di Stato).

 

 

Fonte: ANSA

 

Foto di: lastampa.it

Altre notizie che potrebbero interessarti

D’Alfonso firma protocollo d’intesa per rafforzamento Uffici Giudiziari

Redazione IMN

Responsabilità Civica chiede l’azzeramento a De Angelis

Pierleoni: «I consiglieri comunali devono riprendersi il ruolo datogli dai cittadini col voto»
Redazione IMN

Ricostruzione, grido d’allarme dall’Aniem L’Aquila: «Uffici bloccati, così le imprese falliscono»

Redazione IMN