INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS

Capistrello, lunedì la riapertura della Scuola ‘Santa Barbara’: completati i lavori di demolizione del tetto

Torneranno tra i banchi lunedì 22 gennaio gli studenti della scuola primaria e materna Santa Barbara di Capistrello. Ad annunciarlo è il primo cittadino Francesco Ciciotti, che comunica il completamento delle attività di demolizione del tetto in cemento armato della struttura. L’adeguamento degli istituti scolastici, iniziato dall’Amministrazione Ciciotti a partire dall’insediamento, avvenuto nel giugno 2015, procede «secondo la tabella di marcia, pur con qualche variazione progettuale rispetto a quello che era il piano iniziale», spiega alla Redazione di Info Media News il sindaco Ciciotti.

 

Sulla Scuola ‘Santa Barbara’ il discorso, però, è piuttosto complesso. «La struttura risultava, secondo quanto asserito dagli amministratori che ci hanno preceduto, essere sicura e all’avanguardia. In seguito, però, al nostro insediamento e alle indagini di vulnerabilità sismica che abbiamo effettuato, è stata rilevata qualche anomalia, rispetto ai valori di vulnerabilità previsti per legge», prosegue il sindaco. «Così il primo procedimento da noi messo in atto è stato apportare una modifica al bilancio, finalizzata a reperire i fondi necessari alla realizzazione degli interventi di adeguamento della struttura in quesitone».

 

450mila euro le risorse economiche destinate ai lavori di edilizia scolastica, dagli attuali amministratori del Comune rovetano, che hanno, quindi, proceduto ad assegnare l’incarico di progettazione. «Dopo l’approvazione del progetto e l’espletamento della gara, il 18 ottobre scorso c’è stata la consegna dei lavori. Le prime operazioni consistevano nella realizzazione di una parte delle opere in programma. La criticità maggiore che gravava sul complesso, ovvero il tetto, troppo pesante rispetto alla sottostante struttura».

 

La restante parte dei lavori, che interesserà aule e complesso strutturale, verrà portata a compimento successivamente alla data di chiusura estiva delle scuole. «Si è cercato di approfittare della pausa natalizia per realizzare la prima parte dei lavori, è stato, però, necessario sospendere l’attività didattica per ulteriori 10 giorni, per la demolizione completa del tetto». Parallelamente proseguono i lavori di adeguamento all’Istituto scolastico ‘Sabin’. «In questo caso – precisa Ciciotti – la consegna della struttura, prevista inizialmente per il mese di gennaio, attualmente in corso, verrà posticipata al prossimo settembre. Ciò per ottemperare alle richieste del dirigente scolastico, riguardo un ammodernamento dei locali e dei bagni».

 

Non manca, però, da parte del sindaco Ciciotti, una nota amara verso le minoranze comunali. «Il problema della sicurezza scolastica è un argomento serio, sul quale non si può fare opposizione. All’interno della scuola ci sono circa 350 bambini, estranei al mondo e alle strategie politiche. È diritto di questi bambini avere istituti scolastici sicuri al 100% e, quindi, era auspicabile che tutti gli amministratori del posto facessero squadra per proporre e lavorare a soluzioni concrete, per risolvere questa criticità. Invece la minoranza ha cavalcato l’onda del ritardo nei lavori, scrivendo alla Procura, all’Ispettorato del Lavoro, senza tenere presenti necessità e migliorie da apportare agli edifici. Noi abbiamo tutti i documenti con la programmazione dei lavori secondo le norme. La sicurezza delle scuole, del resto, è sempre stata la nostra priorità, nonostante tutte le difficoltà».

 

 

Foto di: marsicalive.it

Altre notizie che potrebbero interessarti

VIDEO. Nuovo direttivo per la Camera Penale ‘Alcide Lucci’: priorità al futuro del Tribunale

Kristin Santucci

VIDEO. L’Avezzano torna sul mercato e blinda la difesa: ecco Verruschi e Sbardella

Alice Pagliaroli

Notte di paura a Trasacco, auto in fiamme dopo l’incidente

Luca Sabatini