INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS

Capistrello dona ad Accumoli un assegno per la popolazione colpita dal sisma

Il sindaco di Capistrello Franco Ciciotti, accompagnato dall’assessore alle politiche sociali Angelo Stati, dal consigliere dell’Avis Guglielmo Lusi e dal presidente della Pro Loco Fabrizio Salustri si è recato questa mattina ad Accumoli ed ha consegnato al primo cittadino, Stefano Petrucci, un assegno da ottomila euro, simbolo della vicinanza di Capistrello alle popolazioni terremotate.
I fondi consegnati furono raccolti nel corso della giornata di solidarietà organizzata lo scorso 17 dicembre dall’Amministrazione Comunale in collaborazione con le seguenti associazioni : Pro Loco Capistrello e Corcumello, Caput Castrorum, Gruppo Alpini, Avis Capistrello e Pescocanale, Associazione Culturale Giovani, Arzibanda, Croce Rossa, Folgore, Corale Polifonica Monte Arezzo, Coro Agorà 81 e Pingarìa.
Un grande gesto di vicinanza e solidarietà per un territorio che, a quasi nove mesi da quel tragico evento, è ancora invaso dalle macerie, come se il tempo, lì, si fosse fermato a quel 24 agosto del 2016.
«Un piccolo sostegno – ha detto il sindaco Ciciotti – per chi in quella tragedia ha perso tutto. Ad Accumoli tutto si è fermato. A nove mesi di distanza da quel tragico evento la situazione non è cambiata, ci sono sempre le stesse macerie e la stessa distruzione. La città è un ammasso di calcinacci e gli aiuti ormai scarseggiano. Tante promesse, ma fatti ancora pochi. Capistrello ha dato il suo piccolo contributo e questo mi riempie d’orgoglio. Grazie a tutte le associazioni che ci hanno supportato e grazie a tutti i miei concittadini che hanno contribuito».
Fonte: Ufficio Stampa Comune di Capistrello

Altre notizie che potrebbero interessarti

“A scuola di riciclo”: Green Game ad Avezzano

Il progetto coinvolge i licei Pollione, Torlonia e Croce
Redazione IMN

Rapina Lanciano: chiesti 86 anni di reclusione

Lunedì 7 ottobre la parola ai difensori degli imputati
Redazione IMN

Celano, lunedì un Consiglio Comunale sull’ex Zuccherificio: cosa farne?

Gioia Chiostri