INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS PRIMA PAGINA SLIDE TV

Canistro, Di Paolo replica alla Santa Croce

Ancora polemiche tra il Comune e l’ex concessionaria

Canistro, Di Paolo replica alla Santa Croce

Canistro. Nuovo capitolo nella vicenda Comune di Canistro-Santa Croce. In seguito al rigetto da parte del Tar del ricorso della Santa Croce sull’utilizzo della sorgente di Sant’Antonio la Sponga, il sindaco Angelo Di Paolo chiarisce che il «Comune ha esaminato le ragioni del Tar», dopo che la Santa Croce aveva presentato ricorso dopo la scadenza della concessione mineraria. «A far ricorso non è stato il Comune, ma la Santa Croce – continua il primo cittadino – i lavoratori sono stati licenziati non dal Comune ma dalla Società ex concessionaria che ha perso il controllo del pacchetto azionario dopo il sequestro cautelare di 20 milioni di euro nel febbraio 2017 (confermato in Cassazione)».

Altre notizie che potrebbero interessarti

Emergenza sisma, il presidente Di Pangrazio nel Teramano: «Solidarietà informale»

Redazione IMN

‘Corsa della botte’: a Civita D’Antino rivive il ricordo degli antichi mestieri

Kristin Santucci

Strada provinciale 22: riaperto finalmente il tratto di via che collega Luco dei Marsi a Trasacco

Gioia Chiostri