INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS SLIDE TV

Campo Felice: “Tanta neve, rinvio è beffa”

Direttore della stazione invernale abruzzese: "Febbraio e marzo per sperare"

“Abbiamo avviato l’innevamento artificiale nei primi giorni di dicembre, poi non è servito più perché c’è stata e c’è moltissima neve tanto che si scierà fino a Pasqua inoltrata, se non oltre. Ma sarà difficile che si riapra il 18 gennaio, tanto che ci sono già le anticipazioni sul Dpcm che parlano di rinvio”.

Così Gennaro Di Stefano, direttore della stazione invernale di Campo Felice, a Rocca di Cambio (L’Aquila), che con i suoi 1.434 metri è il comune più alto dell’Appennino, facendo il punto sull’attività preparatoria della riapertura, dopo lo stop dal marzo dello scorso anno per la pandemia covid, degli impianti, prevista per il prossimo 18 gennaio.

Il centro montano, nel parco Sirente – Velino, domina l’Altopiano delle Rocche.

“Siamo pronti da tempo, dobbiamo solo battere le piste perché nevica continuamente – spiega ancora Di Stefano che è anche sindaco di Rocca di Cambio -. Certo che è una beffa, con tanta neve siamo chiusi per il covid che ha messo in ginocchio tutto il sistema turistico invernale”. Nella stazione sciistica, ci sono circa due metri di neve che hanno innevato perfettamente circa 35 chilometri di piste e 12 impianti di risalita, più una sciovia e due per bambini: si stanno facendo le prove generali della riapertura ospitando gli sci club e gli atleti di interesse nazionale, come permette la legge. “Siamo aperti per sci club ed atleti di interesse nazionale: ieri abbiamo avuto 400 atleti, dai più piccoli ai più grandi, provenienti dall’Italia centrale, in particolare Abruzzo, Lazio e Marche”.

Oggi è in programma una gara promossa dallo sci club Campo Felice, domani dal team Campo Felice.

Attualmente sono nove i dipendenti al lavoro nella stazione invernale di proprietà della famiglia Lallini, ma se la stagione parte “nel giro di due giorno assumeremo 40 persone a tempo indeterminato per arrivare a 60 a stretto giro – chiarisce Di Stefano all’Ansa -. Certo, i conti sono drammaticamente in rosso, visto che siamo chiusi e fermi dal marzo scorso, così come ristoranti, servizi e scuole sci, cioè l’indotto, che rischiano di non riaprire”.

“Stiamo aspettando ristori e cassa integrazione, peraltro non arrivati, ma che non risolvono il problema. La nostra speranza è limitare i danni riaprendo nei mesi di febbraio e marzo che non salverebbero la stagione ma ci darebbero almeno una speranza di poter continuare a credere in questa attività – conclude lo storico direttore della Campo Felice.

Altre notizie che potrebbero interessarti

‘Decementa’, la vita dopo le ceneri dell’ex cementificio: «La prima infrastruttura per la nuova Pescara»

Redazione IMN

Donna si infortuna su un sentiero di un’area protetta

Soccorsa dal 118 e dal Soccorso Alpino e Speleologico dell'Abruzzo. Si tratta di una escursionista ...
Redazione IMN

Regione, Marsilio replica sulla SS260

Il governatore scrive a Pietrucci, Ministro De Micheli e Zingaretti: "La Regione Abruzzo non ha ...
Redazione IMN