INFO MEDIA NEWS
NEWS Politica SLIDE TV

Boccia: “Diritti universali vengono prima dei vincoli di bilancio”

Il Ministro per gli Affari regionali e le Autonomie agli Stati generali della Montagna: "Lo Stato deve garantire i diritti a tutti: reti, fibra, scuola, trasporti, punti nascita nelle aree montane e interne".

“Cambiare algoritmi ma non chiudere scuole e punti nascita in montagna”. Queste sono state le parole del Ministro Francesco Boccia, ospite a Roccaraso per l’edizione 2020 degli Stati generali della Montagna.

“L’emergenza Covid-19 ci ha chiarito ancora una volta che alcuni diritti universali non sono negoziabili ma vengono prima dei vincoli di bilancio e lo Stato deve garantirli a tutti: salute e scuola su tutti. Reti, fibra, scuola, trasporti, punti nascita in montagna o nelle aree interne, non possono essere condizionati da un vincolo di bilancio o da un algoritmo. Tocca poi allo Stato garantire i livelli essenziali delle prestazioni e la classe politica ha il dovere di trovare le risorse ma tutelando sempre prioritariamente quelle per garantire i diritti universali. Non si può chiudere un plesso di una scuola in un’area interna perché manca uno studente, se necessario si cambia l’algoritmo, ma la scuola resta aperta”.

Così il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Francesco Boccia, aprendo gli Stati generali della montagna, in corso ieri e oggi a Roccaraso, a cui partecipano anche la ministra per l’Innovazione, Paola Pisano, e il ministro per il Sud, Peppe Provenzano.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Clinica Immacolata: lavoratori in stato di agitazione

Slitta riapertura servizi ambulatoriali, UIL FPL: "Interruzione di pubblico servizio"
Redazione IMN

Teramo: nel centro storico spazio a quattro serate per illustrare i lavori dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale

Redazione IMN

Sanità marsicana, Berardinetti: “Basta strumentalizzazioni”

Il sindaco di Sante Marie: "Vogliamo chiarezza su futuro degli ospedali di Tagliacozzo e Pescina"
Redazione IMN