INFO MEDIA NEWS
NEWS Politica PRIMA PAGINA SLIDE TV

“Biondi aveva promesso alloggi per albanesi colpiti dal sisma”

Il Consigliere: "Una donna con due figli minori venuta in città aspetta da un anno"

Il Consigliere aggiunto Edlira Banushaj ha inviato una lettera al sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, per portare alla luce il caso sugli alloggi messi a disposizioni dall’amministrazione alla popolazione albanese colpita dal terremoto del 2019. U”na donna albanese, rimasta sola con due figli minori, – scrive Banushaj – la casa e l’attività commerciale di proprietà distrutte dal sisma, è venuta a L’Aquila per ricongiungersi con il fratello che vive e lavora qui da tempo e ha chiesto alla sua amministrazione un alloggio”.

Questo il testo della lettera.

“Era il 26 novembre 2019 quando all’indomani del catastrofico terremoto che aveva colpito l’Albania, lei dichiarò che non avrebbe mai dimenticato la straordinaria macchina della solidarietà che si era attivata nel 2009 per il terremoto aquilano e che avrebbe messo a disposizione delle comunità albanesi colpite dal sisma gli alloggi realizzati nel post sisma, nonché il bagaglio di competenze e professionalità acquisite in dieci anni di gestione di situazioni emergenziali e ricostruzione.
Signor Sindaco, una donna albanese, rimasta sola con due figli minori, la casa e l’attività commerciale di proprietà distrutte dal sisma, è venuta a L’Aquila per ricongiungersi con il fratello che vive e lavora qui da tempo e ha chiesto alla sua amministrazione un alloggio: dopo più di un anno ancora non ottiene una risposta alla sua richiesta mentre io, consigliera straniera della sua amministrazione, sono mesi che non ottengo di poter parlare con lei di questa situazione neanche al telefono. Questa donna è venuta a L’Aquila credendo nelle sue parole e pensando di poter ricominciare in una città che sapeva accogliere chi aveva perso tutto a causa della terra che trema, ma ha trovato indifferenza quando non addirittura insofferenza. La mitezza di questa donna che ha atteso pazientemente per i primi sei mesi pensandola impegnato a combattere la pandemia è stata per me commuovente.
Le chiedo però cosa sarebbe successo a noi se tutti avessero disatteso promesse fatte, se tutti ci avessero prima ignorato e poi dimenticato. Il futuro di questa donna e quello dei suoi figli è una responsabilità che oramai sento insopportabile e opprimente e non potendo parlare con lei mi vedo costretta a scriverle questa lettera pubblica.
La prego di prendere in carico questo unico caso del quale un anno fa fu messo al corrente dalla sottoscritta e di mantenere la promessa fatta al popolo albanese.
In caso contrario mi vedrò costretta a portare in Consiglio Comunale una interrogazione dettagliata nel merito che possa ripercorrere le interlocuzioni avute dalla mia connazionale con i suoi uffici”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

A Trasacco nasce la Panchina Arcobaleno

Una panchina contro l'omofobia
Redazione IMN

Marsilio: “L’indice Rt è sceso, ci aspettiamo zona arancione”

"L'anticipazione del report settimanale rispetto alla situazione Covid ci dice che l'indice Rt è ...
Redazione IMN

Covalpa e AMPP: tamponi per tutti i dipendenti

La decisione a causa dell'aumento dei contagi nella Marsica
Redazione IMN