INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS SLIDE TV

Avezzano partecipa al bando “Fermenti in Comune”

Giovani avezzanesi protagonisti. L’Amministrazione Di Pangrazio ha risposto al bando ANCI finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e finalizzato a favorire una partecipazione attiva dei ragazzi alla vita delle comunità locali. Nell'articolo tutti i dettagli.

Il comune di Avezzano punta a rendere protagonisti i giovani della città.

In coerenza con il programma di mandato, l’amministrazione Di Pangrazio ha inteso rispondere al bando ANCI finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e finalizzato a favorire una partecipazione attiva dei ragazzi alla vita delle comunità locali.

A tal fine l’amministrazione ha approvato il progetto “Si muove la città… giovani menti crescono” elaborato in collaborazione con le associazioni Delta, Il volo del coleottero, Help handicap, Rindertimi e che prevede azioni per la formazione, l’inclusione, l’uguaglianza tra generi, la cultura.

L’iniziativa presenta un costo complessivo di 115.380 euro di cui 90 mila da finanziare con fondi nazionali.
L’amministrazione comunale ha inteso così, come soggetto proponente e capofila della partnership, sposare lo spirito dell’Avviso nazionale dal titolo “fermenti in comune” predisposto dall’Anci (associazione nazionale comuni italiani) per supportare l’avvio di azioni messe in campo dai giovani.

“Si prevede – spiega il vicesindaco Di Berardino – siano più di 50 i progetti finanziabili. Abbiamo voluto partecipare anche perché è condivisibile lo spirito dell’iniziativa: si vuole, in buona sostanza, considerare le persone di età compresa tra i 16 e i 35 anni, non solo come fruitori di servizi ma come fonti di idee e proposte innovative”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

VIDEO. Mercato di Avezzano: il Comune è dalla parte degli ambulanti

Veronica Di Giovanni

I benzinai scioperano 6 e 7 novembre

Chiusura impianti stradali e autostradali per fatturazione elettronica
Redazione IMN

LFoundry, UILM esclusa dal rinnovo RSU

Il sindacato: «Vera forzatura per colpirci»
Redazione IMN