INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS SLIDE TV

Avezzano: nasce il Movimento Lavoratori di Azione Cattolica

«L’idea di attivare il Movimento Lavoratori di Azione Cattolica (MLAC) nella Diocesi di Avezzano, nasce dalle attenzioni che l’Equipe Adulti diocesana ha rivolto verso il mondo del lavoro.

Nato nel 1936 il Movimento Lavoratori è l’Azione Cattolica dei lavoratori e costituisce l’espressione missionaria dell’AC nel mondo del lavoro. Proponiamo una generatività sociale, un nuovo modo di pensare e di agire personale e collettivo che racconta la possibilità di un tipo di azione socialmente orientata, creativa, connettiva, produttiva e responsabile, capace di impattare positivamente sulle forme del produrre, dell’innovare, dell’abitare, del prendersi cura, dell’organizzare, dell’investire, immettendovi nuova vita e orientando al centro delle nostre azioni la persona.

Come lavoratrici e lavoratori ed attraverso il lavoro, siamo destinatari del dono della creazione e (com)partecipi dell’opera di Dio perché, ci insegna il Concilio, “Gli uomini e le donne, infatti, che per procurarsi il sostentamento per sé e per la famiglia, esercitano le proprie attività così da prestare anche conveniente servizio alla società, possono a buon diritto ritenere che col loro lavoro essi prolungano l’opera del Creatore, si rendono utili ai propri fratelli e danno un contributo personale alla realizzazione del piano provvidenziale di Dio nella storia”(Gaudium et Spes, 34).

Il MLAC è intergenerazionale ed è formato da giovani ed adulti che, insieme, facendo parte dell’Azione Cattolica e/o condividendone le finalità, scelgono come area di impegno l’ambito del lavoro e condividono il cammino proposto dalle strutture associative».

Fonte e Foto di: Ufficio Stampa Diocesi di Avezzano

Altre notizie che potrebbero interessarti

Evade dai domiciliari per andare alle giostre, arrestata 55enne rom

Redazione IMN

VIDEO. Montagna, vademecum contro i pericoli della vetta: l’intervista all’esperto

Kristin Santucci

VIDEO. Trasferimento della Polizia Locale di Avezzano a Palazzo Torlonia: questione dibattuta, i pro e i contro

Gioia Chiostri