INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS

Avezzano: la legge Delrio ‘provoca’ l’interruzione del servizio dell’ufficio Caccia e Pesca

Caos nella Marsica in seguito alle conseguenze della legge Delrio che ha bloccato il servizio dell’ufficio di Caccia e Pesca.

«Si moltiplicano, come già ampiamente previsto, gli ‘effetti collaterali’ della legge Delrio sul riordino delle Province – scrivono in una nota, i consiglieri del gruppo Per Avezzano, Gianfranco Gallese e Mario Madonna – a pagarne le conseguenze, questa volta, è l’ufficio Caccia e Pesca di Avezzano, sito nella sede della Provincia dell’Aquila, in via XX Settembre, che per decisione del dirigente del settore ambiente della Provincia dell’Aquila, Francesco Bonanni, ha interrotto il servizio destinato a centinaia di cacciatori e pescatori sportivi della Marsica. Non si comprende, infatti, l’urgenza del provvedimento, considerato che sono previsti tempi lunghi prima che avvenga l’effettivo passaggio delle funzioni alla Regione».

«Inoltre, – continuano – il servizio soppresso ad Avezzano, costringerà gli oltre 1000 tesserati marsicani per la caccia e i più di 300 per la pesca a rinnovare le loro licenze nell’ufficio dell’Aquila, dove è presente un solo dipendente che risponde alle esigenze in materia di tutti i 108 comuni del territorio della provincia. Un disagio enorme per agli appassionati marsicani, sia in termini logistici che economici; incomprensibile se si pensa, poi, che nella sede di Avezzano, lavorano ancora i due dipendenti preposti alle attività in questione».

«Il sindaco Giovanni Di Pangrazio, ha già sollecitato i due consiglieri comunali, Nicola Pisegna Orlando ed Emilio Cipollone, – concludono i consiglieri del gruppo Per Avezzano – che hanno anche ruoli, rispettivamente, di vicepresidente della Provincia e consigliere provinciale. Auspichiamo che il dirigente del settore ambiente, riveda al più presto la decisione assunta, nel mero interesse dei cittadini che, ricordiamo, appartengono, al comprensorio più esteso del territorio provinciale».

La situazione è complicata: potendo usufruire esclusivamente dei servizi dell’Ufficio dell’Aquila, si rischia di ostacolare i marsicani e lo stesso lavoro dell’ufficio. Si spera che la questione possa essere risolta soddisfacendo i bisogni dei cittadini marsicani.

Foto di: ANSA.it

Altre notizie che potrebbero interessarti

La Marsica dopo una notte di Maltempo: danni anche a Luco dei Marsi e a Trasacco

Gioia Chiostri

Sulmona: arrestati due 25enni per lesione aggravata

Redazione IMN

Stop CETA: agricoltori in marcia su Roma

Redazione IMN