INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS PRIMA PAGINA

Avezzano, la città dove anche il Natale diventa motivo di scontro politico

Il Natale, una festa dal profondo valore spirituale, tanto attesa dai più piccoli e non solo, ad Avezzano è riuscita a ispirare liti e diatribe non solo tra i banchi del Consiglio comunale, dove nuova e passata amministrazione si scontrano a suon di cifre sui soldi destinati alle spese natalizie, ma anche sui social, dove gli utenti si sono scatenati, complice un post di un ex amministratore comunale, in una sfida a colpi di commenti sulle scelte dell’allora sindaco Di Pangrazio e dell’attuale primo cittadino De Angelis.

Così il portavoce del sindaco, Roberto Alfatti Appetiti, ha provveduto a inviare una nota per spiegare nel dettaglio le scelte intraprese dall’attuale amministrazione in merito alle spese natalizie:

«La Giunta De Angelis ha stanziato, con un’unica delibera, la n. 334 del 15 novembre 2017, 58.696 euro, somma comprensiva di più eventi: una rassegna musicale che si terrà presso la sala dell’ex Montessori; l’organizzazione di una mostra personale di Colantoni, artista marsicano di fama mondiale con i relativi costi relativi alla stampa del catalogo e all’assicurazione delle opere; il noleggio di una giostra simile a quelle antiche di cavalli Belle Epoque, gestita dalla Pro-Loco di Avezzano; l’installazione di luminarie natalizie dalla forte valenza innovativa e con un ricercato significato religioso. Si tratta non di mere decorazioni o dei consueti addobbi floreali, che pure non mancano, ma di un vero e proprio progetto di luci d’artista, ideato e curato a titolo gratuito dall’architetto Alberto Cicerone, professionista avezzanese molto apprezzato dal Vaticano. Nei 58mila euro complessivi, il costo sostenuto per questo ambizioso progetto di illuminazione, che interessa il centro e le frazioni, incide per 34mila euro, tenendo conto anche dell’allaccio e dei consumi dell’energia elettrica. Se è vero che l’amministrazione precedente, per le luminarie, aveva speso ‘solo’ 25mila con delibera n. 381 del 15 dicembre 2016 (Natale in piazza), va precisato che per le iniziative natalizie la giunta Di Pangrazio aveva assunto non una ma ben tre delibere: la n. 368 del 01 dicembre 2016 (Natale 2016. Approvazione programma) per un importo di 25.670, la ricordata n. 381 di 25mila euro per le luminarie e il 22 dicembre 2016 la terza delibera (Natale 2016, integrazione programma) per ulteriori 19.980. Noi siamo convinti che, per restituire decoro e fruibilità alla città, non sia qualificante ridurre tutto a una mera questione di numeri, altrimenti potremmo affermare che l’amministrazione De Angelis, al momento, ha speso 58.696 euro per le iniziative natalizie messe in cantiere, mentre l’amministrazione precedente ha superato i 70mila. Detto questo, quel che conta è la qualità delle proposte culturali, il cui giudizio è rimesso ai cittadini. L’auspicio, tuttavia, dovrebbe essere comune: rendere Avezzano sempre più bella e accogliente, fornendo alle famiglie momenti di incontro e intrattenimento, possibilmente in linea con quello spirito del natale che non dovrebbe essere inquinato da polemiche sterili e strumentali che altro non fanno che alimentare disinformazione e dissapori, questi sì, gratuiti».

Foto: Comune di Avezzano

Altre notizie che potrebbero interessarti

“Plaisirs et jeux, giocattoli dall’antichità agli anni ‘50”

La mostra al castello Piccolomini di Celano
Redazione IMN

Morto sui binari: a Tagliacozzo uomo investito da un treno

Gioia Chiostri

VIDEO. Cam, scoperto un buco di circa 13 milioni «Nessun taglio dipendenti, né spese per gli utenti»

Alice Pagliaroli