INFO MEDIA NEWS
Attualità EVENTI NEWS

Avezzano ha il suo Piano distrettuale sociale: 63 gli interventi da luglio a dicembre 2018

Il settore del sociale possiede sia un’anima che un corpo: l’anima è fatta di sensibilità, il corpo degli investimenti perpetrati nell’integrazione. Nella seduta dell’ultimo Consiglio Comunale, ad Avezzano, è stato approvato all’unanimità, su proposta dell’assessore alle Politiche Sociali Fabrizio Amatilli, il Piano Sociale Distrettuale del Comune di Avezzano, Ambito numero 3, relativo al periodo che va dal primo luglio 2017 al 31 dicembre 2018.

«Sono orgoglioso di questo passo raggiunto, a nome di tutta la città e ringrazio, in primis, il Consiglio per avere portato a termine l’approvazione di uno strumento strategico per il governo delle politiche sociali del territorio», ha affermato a margine dell’approvazione del Piano, il sindaco di Avezzano, Giovanni Di Pangrazio. «Il Piano, infatti, – continua – disegna il sistema integrato dei servizi sociali, grazie al concorso dei soggetti pubblici e privati che operano sul territorio».

«E’ stato un lavoro lungo e complesso – ha dichiarato, da parte sua, l’assessore Fabrizio Amatilli, responsabile del settore sociale per il Comune avezzanese – il quale è partito nei mesi scorsi con la costituzione del Gruppo di Piano, composto da tutti quei soggetti che, a seguito dell’emanazione di un avviso pubblico, hanno voluto portare un contributo fattivo e competente alla causa perorata, quali rappresentanti del Comune, del Ministero della Giustizia, della ASL, delle associazioni del terzo settore e del volontariato. Questi ci hanno fornito, soprattutto, in base alla loro esperienza maturata sul campo, vere indicazioni sui bisogni reali ed emergenti del territorio. E’ stata fatta, inoltre, anche la concertazione con i sindacati, che hanno saputo fornire utili indicazioni, tutte recepite, sul problema dell’autismo e sui contratti di lavoro dei dipendenti delle cooperative sociali. Grazie a queste sinergie dal basso e all’esperienza del Settore Politiche Sociali del Comune, è stato possibile redigere a tempi record il Piano».

Il Piano prevede 7 assi tematiche con 63 interventi in totale, che vanno a toccare svariati campi del settore: dai servizi per la non autosufficienza, alle misure di inclusione sociale, dal sostegno alle famiglie ed alle nuove generazioni, all’assistenza domiciliare. Spazio degno anche per il contrasto alla violenza e per le strategie per l’invecchiamento attivo e per le persone con disabilità. Alcune novità combaciano, inoltre, con l’ampliamento delle misure per gli anziani, come l’inserimento di misure contro l’Alzheimer. Il centro di ascolto gratuito per le donne, il ‘dopo di noi’, la mediazione familiare, l’inserimento di interventi di sostegno per persone con sindrome di Down e per le loro famiglie sono gli altri aghi di questa concreta bilancia. «E’ di particolare rilievo, inoltre, – ha affermato ancora l’assessore – che alcune innovazioni sperimentali, già utilizzate dal Comune, quali l’accreditamento degli asili nido e delle strutture che erogano l’assistenza domiciliare, il ricorso sistematico alla sussidiarietà orizzontale ed alla coprogettazione, siano state implementate nelle linee guida della Regione Abruzzo. Avezzano è stata un centro di innovazione grazie anche alla presenza di numerose associazioni e cooperative del terzo settore, forti, competenti e motivate».

E’ stata, quindi, aumentata anche la soglia ISEE (ossia la fascia di completa esenzione) da 6 mila a 8 mila euro per i cittadini che accederanno di diritto ai servizi offerti dal Comune di Avezzano (assistenza domiciliare, telesoccorso, centri diurni, servizi trasporto disabili  e prima infanzia). «La spesa complessiva per l’attuazione del Piano distrettuale 2017/2018 è quantificata in 3 milioni 174 mila e 600 euro e questo per quanto riguarda le azioni cofinanziate con i fondi diretti. Ad essi vanno aggiunti, però, – ha confermato l’assessore – altri 1.684.320 euro circa come fondi indiretti, cioè ottenuti attraverso bandi specifici o in coprogettazione con altri soggetti per la realizzazione di iniziative di notevole rilevanza, soprattutto per quanto riguarda l’area dell’integrazione sociale, per un valore complessivo del Piano, quindi, stimabile intorno ai 4 milioni e 800 mila euro. Questo dimostra che l’Amministrazione di Avezzano, in questo momento storico, nonostante i tagli e i sacrifici finanziari,  non solo non deflette , ma aumenta la spesa sociale».

«Soprattutto si spende meglio – ha concluso l’Assessore Amatilli –  a parità di risorse. I cittadini di Avezzano devono essere orgogliosi di sapere che la percentuale del 35 % dei fondi che finanziano azioni previste nel nuovo Piano distrettuale d’Ambito, viene ottenuta grazie alla partecipazione a Bandi competitivi e non competitivi e, quindi, a risorse che andiamo a reperire all’Esterno del Comune e questo, ovviamente, grazie alla professionalità del Settore guidato dalla dottoressa Ottavi, alla quale va un particolare ringraziamento, unitamente ai suoi preziosi collaboratori».

Fonte: Ufficio Stampa Avezzano

Foto di: VignolaWeb

Altre notizie che potrebbero interessarti

Tre poliziotti aggrediti in carcere: il responsabile è un detenuto rom

Gioia Chiostri

Provincia, un milione di euro per la viabilità

Affidati i lavori per la sistemazione della Dorsale Palentina e Circonfucense
Redazione IMN

Magliano de’ Marsi: per i cittadini ci sarà Max Gazzè ‘sotto casa’

Redazione IMN