INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS

Avezzano, approvato lo studio di Microzonazione Sismica: «Strumento di progresso tecnico»

 

È stato approvato all’unanimità in Commissione Urbanistica il recepimento del Comune di Avezzano dello studio di Microzonazione Sismica.

Si tratta dell’adozione della Carta delle Microaree a comportamento sismico omogeneo che va ad integrare gli strumenti di pianificazione urbanistica già esistenti, andando ad individuare il grado di pericolosità locale di ciascuna parte del territorio urbanizzato e di quello suscettibile di urbanizzazione.

Particolarmente soddisfatto per la votazione della delibera il Presidente di Commissione Pierluigi Di Stefano: «I membri della Commissione Urbanistica hanno potuto conoscere la Microzonazione Sismica del territorio del nostro Comune, approfondendo tutti gli aspetti dello studio svolto dall’Università di Chieti-Pescara in collaborazione con l’INGV; la votazione favorevole all’unanimità dei presenti è un elemento molto importante che rappresenta il recepimento dell’amministrazione di questo fondamentale atto deliberativo. Ottimo il lavoro sinergico effettuato con l’Assessore Fabrizio Ridolfi e la struttura tecnica dell’Ente, diretta dall’Ingegnere Di Stefano e dall’architetto Mariani», conclude Pierluigi Di Stefano.

Gli fa eco l’Assessore Fabrizio Ridolfi: «Si tratta di uno strumento di progresso tecnico che consentirà di edificare nei prossimi anni in condizioni di maggiore sicurezza sismica a garanzia di tutti i cittadini della città. Sono molto soddisfatto del lavoro che stiamo svolgendo, che volge sempre più alla migliore pianificazione del territorio avezzanese».

 

 

Fonte e foto Comune di Avezzano

 

 

 

 

 

Altre notizie che potrebbero interessarti

Noè Lucidi, al via il progetto ‘Junior Campus’

Redazione IMN

Non torna a casa, compagno dà fuoco ad un M.A.P.

Arrestato un uomo per incendio doloso, danneggiamento a seguito di incendio e furto di ...
Redazione IMN

Il Comune replica alla società Santa Croce sulle cartelle esattoriali per Tarsu, Tares e Tari: «Ecco le dovute precisazioni»

Redazione IMN