INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS

Avezzano: al via corso operatore socio pedagogico per l’infanzia

Massimo 25 partecipanti. Iscrizioni presso la Scuola Paritaria dell’Infanzia “S. Giovanni/Piazza Torlonia”

Anche quest’anno, la Fondazione “Terzo Pilastro – Internazionale” di Roma non ha dimenticato i giovani in cerca di occupazione.

Almeno 25 iscritti, saranno coinvolti, gratuitamente, nella seconda edizione del progetto: Lavorare per i bambini: percorso formativo per operatore socio pedagogico per l’infanzia, finanziato dalla stessa che, da anni, è sempre vicina alle associazioni.

Uno scopo, la solidarietà, perseguito con tenacia e costanza dal suo Presidente, Prof. Avv. Emmanuele Francesco Maria Emanuele e dal suo Direttore Generale, Prof.ssa Alessandra Taccone che, in ogni loro iniziativa, mai fanno mancare la vicinanza alle persone più fragili.

Il corso verrà presentato il 22 Maggio alle ore 16 dalla commissione organizzatrice, nell’aula magna della Scuola Paritaria dell’Infanzia “S. Giovanni/Piazza Torlonia”: Prof. Sandro Valletta, Avvocato Leonardo Casciere, Avvocato Luca Casciere, Dirigente Scolastico Francesca Colella.

Le iscrizioni si riceveranno da lunedì 17 maggio 2021 a martedì 18 maggio 2021, dalle ore 10:30 alle ore 12, presentandosi muniti della fotocopia del diploma e del documento d’identità, nella segreteria organizzativa, presso la Scuola.

Gli obiettivi sono quelli di formare Operatori Socio/Pedagogici per l’infanzia che, prestando il servizio, devono avere competenze e capacità in continuo aggiornamento, specializzandosi nella cura, nel rispetto e nelle attività ludico-ricreative, in modo da ottenere una professionalità per l’assistenza al neonato e all’infante.

Nello specifico, i discenti avranno modo di acquisire:

– una conoscenza delle principali teorie sullo sviluppo del bambino;

– conoscenze sulle tappe di sviluppo del bambino, sia sul piano motorio che affettivo e relazionale;

– abilità di cura e accudimento del bambino;

– capacità di strutturare un progetto educativo;

– le principali tecniche di animazione.

Il corso assume importanza anche dal punto di vista occupazionale poiché, da un lato, consente a coloro che già sono impiegati nelle attività descritte di vedere riconosciute le ore di formazione, in virtù della Legge 107 del 2015, dall’altro, permette a coloro che ancora non sono inseriti nel mondo del lavoro di acquisire quelle conoscenze, che consentiranno di trovare, più agevolmente, un impiego nell’ambito formativo dell’infanzia.

Interesserà l’intero territorio abruzzese e sarà destinato a giovani cittadini italiani e stranieri regolari, in possesso del diploma di scuola superiore.

Sarà espletato in due parti, una di lezioni frontali, suddivise in 9 moduli, per la durata di 150 ore, un’altra di stage, per la durata di 50 ore.

Al termine gli iscritti conseguiranno un attestato di frequenza, a seguito di verifica, mediante la redazione di un elaborato finale.

Gli organismi impegnati per la realizzazione dell’attività formativa sono: l’Associazione di volontariato “Percorsi Solidali” di Collelongo (L’Aquila), l’Associazione “Crescere in parrocchia/Scuola Paritaria per l’Infanzia “S, Giovanni/Piazza Torlonia” e l’Accademia di Formazione Giuridica (A.F.G.), degli Avv.ti Leonardo e Luca Casciere, di Avezzano.

Nel totale rispetto della normativa anti “Covid-19”, il corso potrà accogliere al massimo 25 partecipanti.

Le lezioni inizieranno martedì 25 maggio, dalle ore 16 alle ore 19 e si terranno, nella stessa ora, tutti i martedì e giovedì.

“Un sentito ringraziamento va alla Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale, che in questo doloroso e drammatico periodo, è particolarmente vicina a molte iniziative, per favorire l’inclusione lavorativa e sociale – ha affermato il Prof. Sandro Valletta, progettista e direttore del corso, che ha aggiunto – tutte le proposte, in questo particolare momento pandemico, devono essere foriere di speranze concrete dal punto di vista occupazionale, economico e sociale. Per questo motivo la nostra idea, condivisa e finanziata dalla Fondazione, serve a dare una risposta concreta, che si integra perfettamente con l’aspettativa dei giovani ma, soprattutto, con quella di tutte le fasce deboli della società”.

All’OPERATORE SOCIO PEDAGOGICO PER L’INFANZIA è richiesta la conoscenza della normativa legata alla gestione dei servizi per l’infanzia, per comprendere innanzitutto quale può e deve essere il suo ruolo nei diversi contesti; inoltre, egli deve essere capace di lavorare in équipe, di relazionarsi con i bambini e di collaborare con i genitori e le famiglie; infine, egli dovrà possedere nozioni di pedagogia e psicologia, di igiene e alimentazione.

Operatore Socio pedagogico per l’infanzia: Il suo compito è sostenere il bambino nell’ambito dell’autonomia e della socializzazione, favorendo l’inclusione; collaborando con il personale docente e non docente della scuola ai fini della sua effettiva partecipazione a tutte le attività scolastiche.

Lavorare per i bambini: lavorare per i bambini…con i bambini! Affinché questa possa essere la professione alla base del funzionamento delle scuole d’infanzia.

“Il gioco è il lavoro dell’infanzia”, Piaget. Per info e iscrizioni telefonare al numero: 3331912752.

Altre notizie che potrebbero interessarti

VIDEO. Pietrasecca, chiude via Cotarda e si apre la polemica, Nazzarro: «E se non avessi fatto nulla?»

Kristin Santucci

Asl 1, dal 1 agosto partiranno le assunzioni degli Oss

Gioia Chiostri

27enne arrestato per droga a Luco dei Marsi

Redazione IMN