INFO MEDIA NEWS
Cronaca NEWS SLIDE TV

Autostrade, Strada dei Parchi: «In Abruzzo incombe il rischio sismico»

«La lettera dell’ingegnere Migliorino è grave due volte. In primo luogo, perché segnala una scarsità di risorse di uno degli uffici nevralgici del Ministero delle Infrastrutture; poi, perché sottolinea come – a volte – la parsimonia di bilancio non vada d’accordo con la sicurezza». Lo affermano da Strada dei Parchi, società che gestisce le autostrade abruzzesi A24 e A25, in merito alla lettera divulgata dalle associazioni per la tutela dei diritti e scritta dal dirigente del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

 

 

«Vale la pena di ricordare – continuano dalla società – come Strada dei Parchi abbia più volte sottolineato la necessità di garantire le necessarie risorse per la manutenzione straordinaria dell’infrastruttura, soprattutto alla luce della sismicità del territorio su cui grava. L’ingegner Migliorino fa riferimento alle verifiche per le operazioni antiscalinamento. Occorre ricordare che tali interventi sono stati avviati per volere espresso della società, e che lo sblocco dei finanziamenti da parte del precedente governo è intervenuto solo dopo un intervento del Tar del Lazio. Per la manutenzione ordinaria dell’autostrada, la società Strada dei Parchi ha investito fino ad oggi più di 700 milioni, tutti questi interventi sono stati autorizzati e verificati nel tempo dagli uffici del Ministero. Ma è la manutenzione straordinaria, imposta dal rischio sismico, che è stata ‘dimenticata’ dal governo. Ancora oggi, la società è in attesa dei finanziamenti necessari per completare la ‘messa in sicurezza’ del tracciato. Finanziamenti, è opportuno ribadirlo, previsti dalla legge. Piloni, viadotti e gallerie sono sicuri, contrariamente ai reiterati segnali di allarmismo diffusi sul territorio. Inoltre, a seguito delle ispezioni e dei controlli eseguiti da Strada dei Parchi, sono stati già redatti tutti i progetti riguardanti gli interventi più urgenti, comprese le sistemazioni delle pile dei viadotti più deteriorati; progetti già approvati dal CTA del competente provveditorato fin dal 24 maggio 2018 e da tale data fermi al Ministero in attesa del finanziamento stanziato con la legge 213/2017. Qualora venissero approvati, tenendo conto del finanziamento di cui sopra, Strada dei Parchi potrebbe svolgere tutte le attività propedeutiche all’avvio dei lavori in attesa dei fondi necessari, ottenuti i quali i lavori potrebbero iniziare immediatamente. Ma occorre far presto: il rischio sismico incombe sull’intero tracciato».

 

 

Fonte: Asipress

 

Foto di: wikipedia

Altre notizie che potrebbero interessarti

All’Emiciclo due giornate dedicate ai fondi FSE e FESR

Lavoratori, ex disoccupati, studenti, manager e amministratori pubblici hanno parlato della loro ...
Redazione IMN

VIDEO. Da Avezzano arriva Fennex: l’app virtuale per aumentare l’udito nel mondo reale

Kristin Santucci

VIDEO. Tagliacozzo, chiuso l’antico ponte di ferro: il sindaco «La riapertura dopo il ripristino»

Gioia Chiostri