INFO MEDIA NEWS
Cronaca NEWS SLIDE TV

Auto blu, Pm chiedono 4 anni e mezzo per Di Pangrazio

La prossima udienza è fissata per il 16 giugno

Di Pangrazio

Quattro anni e mezzo per peculato per il sindaco di Avezzano, Giovanni Di Pangrazio.

È la pena richiesta, dopo 5 ore di requisitoria al Tribunale dell’Aquila, dai Pm Stefano Gallo e Roberta D’Avolio, nell’ambito del processo che vede imputato Di Pangrazio per un presunto utilizzo spregiudicato e personale delle auto blu della Provincia dell’Aquila.

A Di Pangrazio viene contestato dall’accusa l’indebito utilizzo della vettura di servizio, di proprietà della Provincia, di cui era dirigente, data in comodato al Comune marsicano.

I Pm, poi, hanno chiesto: 4 anni e 2 mesi per la dirigente della Provincia Paola Contestabile di Celano, 3 anni e 8 mesi per l’autista Mario Scimia del capoluogo abruzzese, 2 anni e 8 mesi per l’autista Maria Pia Zazzara di Pescina e a un anno per Anna Maceroni di Avezzano, mentre l’ex autista Ercole Bianchini ha già patteggiato a 2 anni.

I reati contestati – a vario titolo – sono l’illecito utilizzo delle autovetture di servizio, truffa aggravata ai danni dello Stato, falso e favoreggiamento.

Secondo i Pm le auto (due Alfa Romeo e una Fiat Panda) venivano utilizzate per fini personali, viaggi o semplicemente per andare a fare la spesa, a danno della collettività.

La prossima udienza è fissata per il 16 giugno.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Micron Foundation dona 1 milione di dollari per lotta al Covid

Donazione per sostenere l'Italia contro la pandemia
Redazione IMN

VIDEO. Nuova rete irrigua, a Pescara la riunione risolutiva sul Fucino: 50 milioni di euro, progetto appaltabile per fine ottobre

Gioia Chiostri

Carsoli, donna morta nella sua abitazione: la segnalazione arrivata dal compagno

Alice Pagliaroli