INFO MEDIA NEWS
Cronaca NEWS PRIMA PAGINA SLIDE TV

ASL deve 23 mila euro ad un medico marsicano

L’Avvocato Di Battista, difensore della guardia medica, ha sottolineato come la reperibilità domiciliare, l’indennità di rischio e l’assistenza H24 debbano essere pagate in quanto rientrano negli Accordi Integrativi Regionali. L’Asl1, inizialmente, si era opposta al decreto ingiuntivo, sostenendo che tali compensi non erano dovuti. A fare ulteriore chiarezza è intervenuto il Tribunale di Avezzano (sezione lavoro) che ha confermato quanto sostenuto dal medico e dal suo avvocato. Questo provvedimento rappresenta un importante evento per quanto riguarda la tutela dei diritti dei medici di continuità.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Le foreste vetuste di Villavallelonga patrimonio comune da tutelare: il riconoscimento dell’Unesco e il convegno al Teatro dei Marsi

Gioia Chiostri

Meteo: torna la neve sull’Appennino abruzzese

Redazione IMN

Anziana di Tagliacozzo scivola a terra durante la notte, 118 e Vigili del Fuoco la soccorrono

Gioia Chiostri