INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS

Artrite reumatoide, l’Asl L’Aquila si batte per la prevenzione

Artrite reumatoide, l’Asl L’Aquila si batte per la prevenzione

La malattia, se diagnosticata tardivamente, progredisce per tutta la vita ed i costi, per il servizio sanitario, sono ingenti. Il professore Giacomelli: «Saper cogliere un primo segnale e sottoporsi subito a visita dal reumatologo, è fondamentale per disinnescare sul nascere il processo cronico della malattia».
Nell’approccio si sbaglia specialista (l’ortopedico anziché il reumatologo) oppure si banalizzano i primi sintomi: così facendo, la diagnosi slitta di 2-3 anni, l’artrite reumatoide avanza, la terapia è tardiva, la malattia cronica si estende dalle articolazioni ad altre parti (polmoni, cuore e fegato) fino a diventare molto ‘pesante’ per il paziente e assai costosa per il servizio sanitario.

Il reparto di reumatologia di L’Aquila, che vanta una fetta del 25% di utenti da fuori regione si legge in una nota della Asl Avezzano-Sulmona-L’Aquila, batte da anni sul tasto della prevenzione, spiegando cosa fare ai primi sintomi sospetti e a quale specialista rivolgersi. La diagnosi precoce è lo snodo decisivo per impostare una terapia efficace che può portare, se fatta tempestivamente, a una percentuale del 50% di guarigione dei casi.

Il reparto reumatologia dell’ospedale San Salvatore, diretto dal professore Roberto Giacomelli, da anni in prima linea sul fronte della divulgazione medica e della mole di prestazioni, assicura 3.500 visite ambulatoriali e oltre 1.200 accessi per day hospital l’anno. Un reparto che, in Abruzzo, si carica sulle spalle circa un terzo dei pazienti della regione e che è molto ‘gettonato’ nelle regioni limitrofe, soprattutto Lazio, Marche e Campania.

«L’artrite reumatoide», dichiara Giacomelli, «a dispetto dei continui sforzi divulgativi fatti per sensibilizzare la collettività, è ancora poco conosciuta. Saper cogliere un primo segnale, rappresentato da un gonfiore o da un dolore alle articolazioni, e sottoporsi subito a visita dal reumatologo, è fondamentale per disinnescare sul nascere il processo cronico della malattia. La patologia, se non fronteggiata per tempo e se non monitorata tramite controlli periodici e terapie adeguate, col tempo può interessare, oltre alle cartilagini ossee, organi come polmoni, fegato e cuore, aggiungendo altre complicazioni. Quando la patologia si trova in questa fase diventa molto più difficile gestirla, oltretutto con costi molto elevati per le casse della sanità. Basti pensare che quando l’artrite reumatoide si accompagna ad altre malattie ogni paziente viene a costare dai 17.000 ai 20.000 euro l’anno. A far lievitare i costi del trattamento sono in particolare i farmaci biotecnologici, prodotti molto sofisticati, diversi dalle tradizionali terapie».

L’artrite reumatoide può colpire già tra i 25-30 anni mentre, in età infantile, l’esordio si registra anche a distanza di 6 mesi di vita. Più vulnerabile il sesso femminile: dei 550 pazienti attualmente seguiti dal reparto dell’ospedale di L’Aquila, circa 350 sono donne, più esposte al rischio per fattori genetici.

Fonte: Agi

Altre notizie che potrebbero interessarti

Avezzano, pubblicato il bando per la riqualificazione di Piazza Torlonia

Redazione IMN

Avezzano: domani, in comune, la conferenza stampa sull’evento dedicato al glutine

Redazione IMN

Eccellenza, Paterno: è Michele Scatena il nuovo allenatore

Il club nerazzurro ufficializza Scatena al posto di Tonino Torti
Redazione IMN