INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS

Alternanza scuola-lavoro: Il Cam apre le porte all’I.I.S. di Avezzano

Gli studenti dell’I.I.S. “Majorana” alla scoperta del sistema idrico integrato del Cam. Parte il progetto di alternanza scuola-lavoro, anello di congiunzione tra istruzione e formazione con il compito di dare ai giovani la possibilità di fare esperienze pratiche sul “campo” che facilitino l’inserimento lavorativo. Il percorso di conoscenza e formazione pratica ha mosso i primi passi nell’aula riunioni del Cam dove l’amministratore delegato, Giuseppe Venturini, e il responsabile del laboratorio analisi, Alberto Cipolloni, hanno introdotto gli studenti nel mondo delle attività svolte dal Consorzio Acquedottistico Marsicano e nelle leggi che regolano il funzionamento del ciclo idrico integrato.

 

Un primo passo che sarà seguito da altri momenti informativi sui sistemi di captazione e adduzione delle acque, i serbatoi di accumulo, il servizio di depurazione, i controlli di laboratorio.  Il piano di lavoro prevede anche visite a un impianto di depurazione (Pescina) e a una centrale di sollevamento dell’acqua (Ortona dei Marsi). La governance del Consorzio Acquedottistico Marsicano (Presidente, Paola Attili; Amministratore delegato, Giuseppe Venturini; Consigliere di gestione, Armando Floris), quindi, si fa parte attiva della legge di riforma numero 107/15 , che introduce e regolamenta l’obbligo di alternanza scuola-lavoro da svolgersi per tutti gli alunni nell’ultimo triennio delle scuole secondarie di secondo grado, con l’obiettivo di far interagire direttamente il mondo della scuola e quello delle aziende con il fine di dare ai giovani una formazione completa: teorica e pratica.

 

Fonte: Ufficio Stampa Cam

Foto di: Ufficio Stampa Cam

Altre notizie che potrebbero interessarti

“A scuola di riciclo”: Green Game ad Avezzano

Il progetto coinvolge i licei Pollione, Torlonia e Croce
Redazione IMN

VIDEO. Nasce la Futsal Celano, il club giocherà nella prossima Serie D

Redazione Sport

Litorale abruzzese: «La perla dell’Adriatico diventa un cassonetto dei rifiuti»

Alice Pagliaroli