INFO MEDIA NEWS
Cronaca NEWS SLIDE TV

Allarme incendi a Pescina: “Quasi uno al giorno”

Ipotesi dolo. Mirko Zauri: "Ci sono stati incendi quasi ogni giorno, 7 in 10 giorni. Insieme alla Polizia locale stiamo stilando una relazione che consegneremo ai Carabinieri forestali"

Ennesimo incendio nel territorio comunale di Pescina.

“L’area è interessata ormai da 10 giorni da incendi quasi quotidiani”, denuncia il sindaco Mirko Zauri.

“Ieri si è verificato l’ultimo rogo, molto esteso, partito dalla località Le Querce ed esteso fino alla piana della stazione a ridosso dell’abitato. Per spegnere le fiamme ci sono volute diverse ore”, aggiunge il primo cittadino.

“Dopo il celere intervento della Protezione Civile Comunale, Protezione civile di Magliano con specifica antincendio, i Vigili del fuoco, amministratori comunali e i tanti volontari accorsi sul posto il fuoco è stato circoscritto e successivamente spento. La zona resta attualmente attenzionata nel caso riparta qualche focolaio alimentato dal vento. Grazie infinite a tutti coloro che hanno contribuito e partecipato ai lavori di messa in sicurezza, viabilità e spegnimento incendio”, sottolinea.

Il sindaco assicura che “si tratta di tutti incendi dolosi, perché non ci sono ancora temperature tali da permettere dei roghi così ampi e poi non sembra un caso che la zona interessata sia sempre la stessa”.

Il primo incendio è divampato domenica 21 febbraio, “da allora – spiega Zauri – ci sono stati incendi quasi ogni giorno, 7 in 10 giorni”.

“C’è preoccupazione tra i cittadini, allarmati da questa situazione”, prosegue il primo cittadino che annuncia: “Insieme alla Polizia locale stiamo stilando una relazione che consegneremo ai Carabinieri forestali. Presenterò sicuramente una denuncia contro ignoti”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Avezzano ha il suo Piano distrettuale sociale: 63 gli interventi da luglio a dicembre 2018

Gioia Chiostri

Vasto, denunciato 60enne per furto aggravato

Redazione IMN

Sulmona: detenuto di 24 anni si impicca nella sua cella, Nardella «grande dolore e frustrazione»

Redazione IMN