INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS

Al “Serpieri” il secondo premio “Si all’amore, no alla violenza”

Studenti del "Serpieri" di Castel di Sangro incontrano il sindaco Angelo Caruso e l'assessore alle politiche sociali Raffaella Dell'Erede

E’ stata una mattinata all’insegna del rispetto per le donne quella che ha visto gli studenti della classe 3C del Serpieri ricevere dalle mani dell’assessore alle politiche sociali, Raffaella Dell’Erede, il premio ottenuto partecipando al concorso indetto dal Comune di Castel di Sangro “Si all’amore, no alla violenza” dedicato a sensibilizzare i giovani rispetto al tema della violenza sulle donne.

I ragazzi hanno incontrato il sindaco Angelo Caruso, che li ha accolti nella Sala Consiliare e che si è complimentato con loro per l’apprezzabile risultato ottenuto. Successivamente hanno ricevuto il premio per il secondo posto conseguito realizzando un emozionante video intitolato “Sono quella che sono”.

La Dirigente scolastica Cristina Di Sabatino ha ringraziato l’amministrazione per l’iniziativa di alto valore sociale e per l’occasione offerta ai ragazzi di riflettere su un tema che, purtroppo, è di notevole attualità.

E’ fondamentale che si educhino i ragazzi ad avere rispetto per le loro compagne, ed è determinante che le donne si rendano autonome attraverso il lavoro per potersi autodeterminare e non dipendere da nessuno, ha aggiunto l’assessore Dell’Erede.

Presenti all’evento l’assessore Enia Acconcia, la dott.ssa Laura Catullo, il vicepreside del Serpieri, prof. Manrico Oddis e la prof.ssa Simona Gasbarro che ha guidato gli studenti nella realizzazione del video.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Scuole della Marsica, la Provincia incontra i dirigenti per riapertura

Tavolo con il territorio. Affrontato il tema del rientro in classe per settembre. Ecco cosa è stato ...
Redazione IMN

Berlino: Gerosolimo: «Fabrizia esempio della migliore gioventù»

Redazione IMN

Avezzano a Porta a Porta, parla Forza Italia Giovani

Simonelli: «Enorme discredito su Avezzano», Di Cesare: «La città non è priva di sicurezza»
Redazione IMN