INFO MEDIA NEWS
EVENTI NEWS PRIMA PAGINA Senza categoria SLIDE TV

Al MuMi di Francavilla la mostra Eschatology

Lo spirituale al centro della ricerca di Mario Vespasiani

Francavilla al Mare – Venerdì 1 novembre alle ore 17 al “MuMi”, Museo Michetti in Piazza San Domenico 1 di Francavilla al Mare, sarà inaugurata la mostra dal titolo Eschatology – opere monumentali sul mistero ultimo di Mario Vespasiani a cura di Giuseppe Bacci.

Un progetto importante e dal forte impatto installativo – ambientale presentando anche due dipinti inediti ad olio, di circa dieci metri di larghezza per due di altezza, realizzati appositamente per il luogo. Le opere si relazionano con quei riferimenti allo spirituale caratteristici della ricerca di Vespasiani, ma anche con le due tele realizzate da Francesco Paolo Michetti per L’esposizione Universale di Parigi dell’anno 1900.

Tele dalle misure eccezionali, nelle quali il taglio cinematografico e la pittura aurorale di sublimazione spirituale avvolge lo spettatore ampliandogli le percezioni emotive. Lo stato d’animo generato si colloca a trapasso della postmodernità. Il paesaggio appare ora lunare ora tibetano, il racconto passa da una rappresentazione antropologica ad una religiosità ancestrale, per approdare a soluzioni che non sono solamente pittoriche, ma intravvedono il tentativo di condurre lo spettatore ad un ulteriore attraversamento.

L’artista Mario Vespasiani si configura come un uomo – artista visionario che approfondisce il tema escatologico con l’uso di straordinarie metafore e simboli. Un’indagine interiore la sua che viene posta in relazione con gli avvenimenti odierni e che le menti più sensibili sono in grado di percepire con l’osservazione del panorama mondiale.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Investimento a Piazza Castello, ad Avezzano: signora soccorsa dal 118

Gioia Chiostri

Avezzano, il Pd lancia il “Patto Istituzionale per la Città”

Ceglie: c’è spazio e voglia per pensare alla città del 2030
Redazione IMN

Avezzano: il Comune pronto a formare una nuova graduatoria per la gestione delle comunità residenziali

Claudia Ursitti