INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS PRIMA PAGINA

Aielli: sì alla rivalutazione e alla riapertura dei vecchi immobili

Si sa quanto sia diffusa in tutta Italia l’esistenza di immobili abbandonati a se stessi che hanno visto, in un primo momento, un investimento importante da parte delle varie amministrazioni comunali.

Uno di questi casi tocca un piccolo paese collocato nella provincia dell’Aquilano, precisamente Aielli.

 

L’amministrazione comunale, infatti, aveva edificato e gestito una scuola materna, collocata in via Risorgimento ad Aielli Stazione, che è rimasta aperta sino al 2013, anno in cui venne poi chiusa dall’amministrazione stessa, guidata, allora,  dall’ex sindaco Benedetto di Censo.

 

C’è chi non la pensa così ed ha maturato l’intenzione di reinvestire in un immobile che può essere sfruttato ancora per molto, se sistemato a dovere. «La struttura dell’ex scuola materna – spiega il sindaco Enzo Di Natale alla Redazione – è stata esaminata a lungo. Lo stato di totale abbandono evidente ha costretto tutti ad optare per un intervento di ristrutturazione e di riqualifica al fine di instaurarvi all’interno tutte le sedi delle varie associazioni del territorio che avranno intenzione di riunirsi sotto un unico tetto e di lavorare assieme. L’ Avis, ad esempio, dal canto suo, ha già chiesto la disponibilità ed ovviamente l’ha ottenuta. Sarà la prima a prendere posto nella struttura riqualificata». Gli interventi di riqualificazione sono stati effettuati in un regime di piena economia da parte del Comune ed hanno riguardato  prettamente l’opera di una nuova sistemazione degli spazi interni ed un nuovo apparato elettrico.

 

Un’iniziativa, questa, che apre gli occhi su tante realtà che, probabilmente, potrebbero essere trattate allo stesso modo in tutta la Penisola. Un passo avanti importante, quindi, quello di Aielli, promosso verso la tutela dei vecchi immobili cittadini.

 

«Per noi, come comunità e come amministrazione, – continua il sindaco – questo obiettivo centrato risulta essere qualcosa di molto importante perché abbiamo sempre sostenuto che il patrimonio immobiliare ereditato è un patrimonio che va conservato in uno stato che assicuri, nel tempo, la  propria fruibilità».

La struttura verrà riaperta ufficialmente alla popolazione nel prossimo mese di giugno.

 

Altre notizie che potrebbero interessarti

Meteo, in arrivo venti da Nordest: nuovo calo termico

Redazione IMN

A San Vincenzo Valle Roveto, il buon cibo è… in Comune

Gioia Chiostri

Asl 2: «Nessun rischio di chiusura definitiva della Chirurgia nell’Ospedale di Ortona»

Redazione IMN