INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS SLIDE TV Sociale

Adotta Anime Randagie Trasacco: «La vita dei cani non vale meno della nostra»

Potrebbe forse partire da Trasacco la rivoluzione ‘canina’ per eccellenza? Senza dubbio, qui, intanto non si coltiva l’indifferenza: per il resto, poi, si vedrà col passare degli anni e con l’abbaiare degli amici animali. Innamoratissimi o poco meno degli animali, solitamente, infatti, per chiunque diventa molto difficile non provare una forte compassione e tenerezza di fronte alla visione di un cucciolo di cane affamato che cerca un riparo per la notte. Queste tristi scene sono all’ordine del giorno e sono molti i cani costretti a vivere in queste condizioni. La realtà del randagismo, nel territorio trasaccano e nella Marsica in generale, è molto diffusa: per questo, esistono diverse organizzazioni impegnate su questo fronte.

54236780_2303003473354080_3690848401714315264_nTra queste, c’è anche l’Associazione Adotta Anime Randagie Trasacco: «Il fenomeno del randagismo dei cani è ormai diventato un vero problema, ci sono centinaia di cani nella nostra zona che per diverse cause si ritrovano a vivere senza una casa, senza cibo e soprattutto senza nessun tipo di cura. – ha dichiarato il direttivo dell’Associazione – Per contrastare questa situazione di emergenza abbiamo deciso di fondare questa organizzazione. Nello specifico siamo state in 4 ad aver iniziato questo percorso, Barbara Galassi, Elisabetta Ippoliti, Ilaria Bellotta e Lidia Taricone. Abbiamo tra i 24 e i 42 anni e nella vita lavoriamo in diversi settori: dal bar, agli asili, alle fabbriche, ma ogni momento libero lo dedichiamo alla nostra lotta. Siamo spinte dall’amore che proviamo per questi animali, non vogliamo assolutamente stare ferme davanti alle sofferenze che provano. Il nostro desiderio è quello di aiutarli a trovare una giusta sistemazione che permetta loro di vivere in condizioni decisamente migliori rispetto a quelle in cui si trovano adesso, nelle quali fa da padrone ‘la legge del più forte’».

Queste quattro ragazze mettono a disposizione l’una dell’altra le risorse che hanno e impegnano il loro tempo in questa onorevole iniziativa di salvare dalla strada i cuccioli, e non solo: «Noi facciamo del nostro meglio, ma purtroppo le risorse economiche sono molto limitate. Abbiamo organizzato diversi eventi in cui abbiamo cercato di raccogliere denaro da impiegare nelle cure dei cani trovati. A dicembre di quest’anno abbiamo allestito dei mercatini di Natale in cui vendevamo delle creazioni fatte con le nostre mani e con l’aiuto di altri volontari che ci aiutano in questa iniziativa. La comunità di Trasacco ha risposto molto bene a questo evento per cui eravamo sicure che, organizzandone un secondo, avremmo ricevuto un feedback molto positivo, e così è stato. Nella prima cena di beneficenza organizzata dall’Associazione per raccogliere fondi necessari, abbiamo avuto una grande partecipazione, a riprova del fatto che questo tema sta a cuore a molte persone e non solo a noi e ai volontari che ci affiancano. Ringraziamo infatti tutti coloro che ci appoggiano come meglio possono donandoci coperte, cucce, cibo e qualsiasi cosa possa esserci utile. Per quanto riguarda il denaro che serve per le vaccinazioni e le cure mediche stiamo aprendo un conto postale sul quale, chi vuole, può versare un contributo».

L’Associazione Adotta Anime Randagie è un’organizzazione giovane con un sogno nel cassetto che spera di realizzare il prima possibile: «Vorremmo essere ascoltate dalle Amministrazioni, da chi ha più possibilità e risorse; chiediamo un aiuto perché, solamente in quattro, non possiamo farcela. Basterebbe una rete reattiva di aiuto in cui i cani trovati, ad esempio, dopo essere stati medicati e soprattutto sterilizzati, siano rintracciabili tramite un microchip installato sotto pelle che ne permette facilmente il riconoscimento. Non stiamo assolutamente chiedendo che questi poveri animali vengano messi in un canile, rifugio o qualsivoglia luogo chiuso; è giusto che abbiano la possibilità di vivere liberamente la propria esistenza, ma noi come comunità abbiamo il dovere civico di rendere migliori le condizioni in cui si trovano attualmente. Non possiamo permettere che sopravvivano allo stato brado rischiando che vengano investiti ed uccisi, dobbiamo agire velocemente. La loro vita non vale meno di quella di ognuno di noi».

Associazione Anime Randagie:

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/adottaanimerandagietrasaccodelegazioneenpa/?epa=SEARCH_BOX

Indirizzo email: trasacco@enpa.org

 

Foto di: Associazione Adotta Anime Randagie

Altre notizie che potrebbero interessarti

VIDEO. Tutela minori, dalle leggi all’ascolto: focus sulla famiglia ad Avezzano

Kristin Santucci

Avezzano, minaccia la ex con una mazza da baseball: arrestato 38enne

Redazione IMN

Bracco chiede soluzioni strutturali per Barrea e Pescasseroli

Redazione IMN