INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS PRIMA PAGINA SLIDE TV

Accordo programmatico San Benedetto dei Marsi e Pescina

D’Orazio: “Il futuro del nostro comprensorio è solamente nelle nostre mani”

Nasce un accordo programmatico per lo sviluppo territoriale che prende le mosse da San Benedetto dei Marsi e Pescina per coinvolgere tanti altri Comuni sulle grandi tematiche delle aree interne.

“Ci sono voluti diversi anni per riuscire a sgretolare quelle vecchie dinamiche campanilistiche, che oggi non hanno più alcuna ragione di esistere”. Così il sindaco di San Benedetto dei Marsi, Quirino D’Orazio.

“Dopo numerosi incontri e dopo tanto lavoro silente, finalmente prende vita uno storico accordo che guarda al futuro, per uno sviluppo territoriale, che vedrà coinvolti i comuni di San Benedetto dei Marsi e di Pescina e che presto verrà proposto ed allargato non solo ai comuni della Valle del Giovenco, ma a tutti quelli che sognano finalmente una Marsica federata ed un Abruzzo interno forte, per affrontare con piena consapevolezza le difficili scelte del nostro futuro.

Abbiamo finalmente preso coscienza della necessità di condividere percorsi di crescita e di salvaguardia del nostro comprensorio, che rivendica, a gran voce, maggiore attenzione.
Troppo spesso i nostri territori si sono visti relegati ai margini della politica che conta e, se questo è accaduto, è perchè noi e solo noi lo abbiamo consentito.
È giunto il tempo della presa di coscienza che il futuro del nostro comprensorio è solamente nelle nostre mani.

Finalmente prende corpo la consapevolezza della nostra capacità di autodeterminarci e già questo è, di per sé, qualcosa di straordinario ed allo stesso tempo rivoluzionario”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

59enne arrestato per spaccio, nascondeva in casa 150 grammi di cocaina

Redazione IMN

Il sindaco di Montesilvano: «Migranti, future risorse del territorio»

Redazione IMN

Biondi: “Concentrare ricoveri terapia intensiva a Pescara”

Sindaco dell'Aquila: "Numeri bassi, ottimizzare le prestazioni degli altri presidi ospedalieri"
Redazione IMN