INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS PRIMA PAGINA SLIDE TV

A Tavola con Bea: rose di mele e marmellata per l’8 marzo

Per la Festa delle donne, una ricetta tutta al femminile. Rose che sembrano bouquet per onorare la Metà gentile ma forte dell'Universo umano.

Oggi vi presentiamo uno dei dolci più scenografici che esistano, vale a dire le Rose di mele e marmellata! La ricetta per questo goloso dolce mi è stata passata da Riccardo e Chiara, una coppia di nostri amici che le preparano spesso. Dal loro aspetto possono sembrare difficili da realizzare, ma come dice Chiara “se ci son riuscita io, le possono far tutti le Rose di mele e marmellata!” Pochi e semplici ingredienti per un dolce che vi stupirà.

Ingredienti

1 rotolo Pasta Sfoglia rettangolare
2 Mele Red Delicious
q.b. Marmellata a vostra scelta
q.b. Zucchero
1 Limoni
q.b. Zucchero a velo
q.b. Acqua

Preparazione:

La ricetta è molto semplice e ha pochi passaggi da seguire, perciò andiamo ad accendere il forno in modalità statico a 180°.

Fatto ciò passiamo alla seconda cosa da fare, andiamo a lavare bene le mele, asciughiamole con un panno da cucina e dividiamole a metà. Priviamole del torsolo interno cercando di togliere meno polpa possibile. Poggiamole su di un tagliere per il loro lato piatto e ricaviamo tante fettine sottili.

Prendiamo una ciotolina versiamo un po’ d’acqua, aggiungiamo le fettine di mele ed il succo del limone ben spremuto. Dopo qualche minuto andremo a scolare le fettine di mele e a disporle su di un testo da forno coperto con la carta forno. Spolveriamole con lo zucchero semolato ed inforniamole per un dieci minuti circa, devo ammorbidirsi leggermente. Mi raccomando non spegnete il forno tra pochi minuti ci servirà bello caldo sempre a 180°. Passiamo ora alla preparazione della base delle nostre rose con la pasta sfoglia. Srotoliamola sul piano da lavoro ed andiamo a creare delle strisce per la sua lunghezza di circa 5 – 6 cm.

Spennelliamo le strisce di pasta sfoglia con la marmellata che abbiamo scelto e disponiamo le fettine di mela lasciando un 1 – 2 cm dalla base, sovrapponendole leggermente tra loro. Se vi piace la cannella potete ora spolverare leggermente il tutto, altrimenti se come me non la sopportate passate oltre ^_^ Piegate ora la sfoglia che avete lasciato di avanza sotto alle fettine di mela, in modo tale da formare una tasca che le tenga ferme. Arrotolate il tutto da un lato verso l’altro a formare le rose di mele. State attenti a non farle troppo tirate, la pasta sfoglia in cottura andrà a gonfiarsi e rischiate che si aprano. Disponiamo tutte le nostre rose di mele su di un testo da forno coperto con la carta forno, spolveriamole con dello zucchero ed inforniamo per circa 20 – 25 minuti. Devono risultare dorate e croccanti. Potete servirle tiepide o completamente fredde, l’importante è spolverarle generosamente con dello zucchero a velo.

Buon appetito!

Chi è la foodblogger Beatrice Santarelli?

Se vi state chiedendo chi sono e sopratutto chi c’è dietro al blog “A Tavola con Bea”, siete nel posto giusto, proverò in breve a spiegarvi chi è Bea! Come si intuisce già dal titolo del blog, mi chiamo Beatrice, ma per tutti da una vita sono Bea, da qui il nome del blog. Vivo nella Marche, una Regione che amo nel profondo del cuore, perché come poche regioni d’Italia, può vantare alcune tra le bellezze naturalistiche e culinarie più belle ed affascinanti dello Stivale. Da brava marchigiana, adoro il mio mare, vivo a due passi dalla spiaggia, amo il suo suono che mi tiene compagnia, specialmente d’estate con il fruscio delle onde ed il chiacchiericcio dei turisti. D’inverno, invece, quando soffia il vento e le onde si alzano, riesco a sentirlo fin dentro casa. Poi ci sono le montagne: la possibilità di essere in collina con pochi minuti di auto mi affascina, insomma come dice una vecchia pubblicità…

“L’Italia in una Regione… da scoprire all’Infinito!” sono di parte, che volete farci!

Per quanto riguarda invece la mia passione per la cucina, penso che risalga a quand’ero piccolina, quando mia nonna girava per casa con un matterello; mi faceva indossare il mio grembiulino blu a fiorellini e mi dava un po’ di pasta per giocare. Ci potevo passare delle ore, ero affascinata. Poi, crescendo, ho avuto la fortuna di avere una mamma che per lavoro era cuoca. La sua specialità era il pesce, le sue idee si spingevano molto lontano, associava i sapori, le verdure, la frutta al pesce, insomma se piaceva a lei e alle sue cavie, figlia e camerieri compresi, andava dritto nei piatti degli ospiti in sala. Le ho visto fare le vongole con le fragole o con i fichi solo perché in quel momento nel frigorifero aveva solo quello a sua disposizione.

Da queste due grandi donne della mia famiglia discende la Bea. Io cucino per me, perché adoro farlo, amo preparare piatti su richiesta per la mia famiglia, per il mio ragazzo e per gli amici, come potrete leggere in molti miei post loro sono le mie famose cavie. Il mio blog nasce per testare e sperimentare le ricette che si trovano nei siti, nei blog e nel vasto mondo della rete, insomma tutte quelle volte che dici “questa la voglio provare!” ecco io faccio così, la preparo, la provo e se il risultato è soddisfacente sia per me che per la mia giuria di cavie, FINISCE NEL MIO BLOG!

Per altre ricette, andate su: Le Ricette di Bea

Altre notizie che potrebbero interessarti

VIDEO. Un gol per la solidarietà in rete a Tagliacozzo: glorie in campo per l’Anffas

Kristin Santucci

Aree di riabilitazione, demenze ed anziani: lunedì la conferenza della Regione a Pescara

Alice Pagliaroli

Alfredo Baldassarre intervista Nazzareno Di Matteo

L'intervista è andata in onda nel corso di "Pomeriggio Live", su InfoMediaNews, in diretta.
Redazione IMN