INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS

‘A ruota Libera’: una nuova app entra nel social della città di Avezzano

‘D’una città non godi le sette o le settanta meraviglie, ma la risposta che dà ad una tua domanda’. Questa citazione di Italo Calvino, uno dei più grandi scrittori italiani del nostro secondo Novecento, è stata posta, come mattone solido e metaforico, alla base del progetto di ‘A ruota Libera’,  presentato il giorno 16 dicembre scorso, nei locali della Sala Consiliare del Comune di Avezzano da parte del Rotary Club della città marsa. La proposta, frutto di un lungo whatsapp-image-2016-12-18-at-09-43-05lavoro, è mirata al miglioramento della vivibilità della città avezzanese, attraverso l’utilizzo di una nuova app. Si tratta di un progetto che focalizza, principalmente, l’insieme delle barriere architettoniche, quali marciapiedi, cassonetti e cestini per la spazzatura presenti nel Comune abruzzese e che, ormai da tempo, rendono difficoltoso lo spostamento quotidiano di tutte le persone diversamente abili.

Per l’occasione, era presente in Sala, il presidente del Comitato italiano paralimpico Luca Pancalli, come principale testimonial dell’evento, che ha sottolineato, in conferenza stampa, l’originalità del progetto presentato: «Dall’anno 1981 all’anno 2016, – ha detto – tanti sono stati i problemi presenti nelle realtà dei diversamente abili, tante le parole che sono state spese a riguardo, ma di fatti, in verità, se ne sono visti davvero pochi. Qualcosa, però, ora sta cambiando. Tra le innumerevoli iniziative proposte riguardo il miglioramento della nostra condizione reale, infatti, mi ha colpito molto la proposta presentata dal Rotary Club di Avezzano. Sono rimasto affascinato, infatti, dal diverso approccio che mostra questa innovativa app: dalla sua whatsapp-image-2016-12-18-at-09-42-44capacità di innescare un vero e proprio meccanismo culturale, alla sua altra capacità di far diventare di tutti un problema che, nella realtà dei fatti, è solo di pochi. Condivido pienamente, quindi, il suo aspetto più importante: essa, cioè, non serve a far commuovere, ma a smuovere».

L’iniziativa ‘A ruota Libera’, nata principalmente dal Rotary Club e dal Rotaract Club di Avezzano, ha impostato, come suo fondamentale obiettivo, quello di trasformare la città in una città veramente per tutti. La segnalazione che verrà fatta direttamente all’Amministrazione comunale degli ostacoli che si riscontrano, giorno per giorno, nelle strade e nei quartieri, rappresenterà il primo e più importante step di questo progetto. Questo effettivo passo in avanti servirà per concretizzare ancora di più un’idea di svolta a favore dei cittadini diversamente abili.

E’ stato un giovane laureando in informatica a sviluppare la speciale app, spiegata nei suoi minimi dettagli dal diretto interessato, grazie anche all’energica spinta ricevuta dai presidenti in carica del Rotary, Massimo Nicolai e Oscar Genovesi. «Questa nostra app presenta le tre caratteristiche principali che una vera app deve necessariamente avere: la leggerezza, la portabilità ed infine la versatilità. E’ possibile scaricarla sin da subito su molti dispositivi, quali smartphone, tablet, computer e anche tv. Sono quattro, invece, i punti caratteristici che presenta all’interno dell’area relativa al suo funzionamento: la foto, la geolocalizzazione, l’inserimento dei dati personali (facoltativo) con una breve descrizione del luogo ed, infine, la segnalazione all’Amministrazione comunale della barriera architettonica, mediante l’invio di una e-mail. Oggi iniziamo da Avezzano – conclude il giovane Simone Franchi – ma il nostro obiettivo principale è anche quello di aumentare la distribuzione dell’app su tutto il territorio nazionale».

whatsapp-image-2016-12-18-at-09-42-35Tra i vari interventi che si sono alternati durante la presentazione della nuova app, Fabiana Marianella, assessore alle politiche giovanili, alla creatività e all’innovazione del Comune di Avezzano, ha sottolineato che: «è fondamentale che venga coinvolta, nei progetti, la freschezza delle novità  delle idee dei più giovani, i quali, hanno in mente molte realizzazione ma, magari, non sempre predispongono dell’opportunità di portarle a termine con concretezza». Fabrizio Amatilli, invece, assessore al Sociale, ha aggiunto: «Il progetto presentato è bellissimo. Il tempo di reazione dell’Amministrazione comunale è stato, inoltre, molto rapido. Si tratta di una risposta pratica ai disagi quotidiani presenti non solo, in città, per i diversamente abili ma anche per tutti gli anziani e i bambini. E’ una segnalazione importante che andrà ad incidere, sicuramente, anche sul futuro della nostra città».

Il sindaco della città di Avezzano, Giovanni Di Pangrazio, toccato personalmente dal tema presentato durante la conferenza stampa, ha affermato che: «la serietà e la sobrietà che da sempre contraddistinguono il Rotary Club, dovrebbero essere esempio lampante per tutte le persone che qui vivono ed abitano. Oggi dobbiamo far fronte comune dinanzi al male che occupa le strade della nostra città». Massimo Nicolai, presidente del Rotary Club di Avezzano, il quale che da sempre ha mostrato passione e creduto nelle iniziative proposte dal suo circolo, ha dichiarato: «Il Rotary Club mette a disposizione le proprie professionalità per far sì che gli altri le possano sfruttare e condividere. Siamo riusciti a lavorare, inoltre, da sempre sulla salute delle persone: il nostro, infatti, è un campo di lavoro aperto a 360 gradi. La società di oggi sta cambiando ed il Rotary Club cambia insieme ad essa. Sta facendo in modo di essere al passo con le trasformazioni che si rintracciano, sinuosamente, nel mondo moderno e contemporaneo. E’ importante che la gente inizi ad osservarci più da vicino, e con essa, anche i tanti amici diversamente abili, per i quali, il nostro impegno è sempre risultato essere ai massimi livelli».

Il Rotary Club ha, dunque, dato dimostrazione, attraverso lo sposalizio di questa innovativa app, di come è possibile usufruire di tutti i ricchi aspetti che la realtà offre. Questa volta è stato il turno della tecnologia, la quale, grazie alla nuova app, rappresenterà una vera e propria àncora di salvezza a cui, chi non vive serenamente la quotidianità, potrà aggrapparsi e trovare, in questo modo, delle risposte concrete.

 

Altre notizie che potrebbero interessarti

Si è spento a 60 anni Fabrizio Frizzi, volto storico della televisione italiana

Redazione IMN

Festività natalizie in sicurezza: arrestato latitante romeno ad Avezzano

Redazione IMN

Camionista trasaccano svegliato in piena notte dai ladri

Redazione IMN