Spazio Pubblicitario

INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS SLIDE TV

A.A.A. cercasi energia, la Radio amica del futuro degli studenti: domani Liberadio.it approderà nella Marsica

Liberi, come la radio. Liberi di pensare, di articolare, di essere, di immergere ed emergere tramite lo scatto della volontà. Tramite la grinta dell’entusiasmo e la determinazione di un sogno. Oppure, l’indigestione di un fallimento. Questa avventura scolaresca parte da qui.

‘Una radio per la scuola’, nel pomeriggio di domai, dalle ore 14 alle 17, farà tappa ad Avezzano, nella Marsica, per conoscere gli studenti che stanno decidendo cosa fare del proprio futuro. Questo è il succo dolce di un progetto artistico e culturale incominciato e partito nell’anno 2012, ma arrivato, ora, a fare il paio con l’insegnamento divertente grazie alla radiofonia.

Orientamento, quindi, ma anche prospettive future. Come vedono gli studenti il nostro paese? Hanno desiderio di restare oppure di viaggiare per motivi di studio/lavoro? A queste ed altre domande, nel pomeriggio, di domani, in occasione dell’Open Day al Liceo ‘Benedetto Croce’ di Avezzano, si tenterà di rispondere, partendo da notizie di attualità commentate dagli stessi alunni, sotto la guida, ovviamente, del coordinatore del progetto, Francesco Di Bucchianico, già speaker radiofonico di Radio Delta 1.

«Allestiremo – racconta il responsabile dell’iniziativa – un piccolo studio radiofonico e gli studenti avranno la possibilità di registrare il proprio intervento. Tutto il materiale raccolto sarà registrato e conservato sulla piattaforma Liberadio.it. Si tratta di un progetto dalla forte anima educativa ed esplorativa».

Liberadio.it nasce dalla caparbietà e dalla voglia di 3 amici universitari che hanno sempre nutrito il sogno di fare la radio. Oggi, questo format innovativo che sfrutta tutte le sonorità umane è divenuto un vero e proprio banco di prova per raggiungere obiettivi professionali.

Il progetto, che si incardina nei ritmi tradizionali didattici della scuola formativa, propone da un lato la possibilità di orientare i giovani verso la cultura tecnologica e, dall’altro, lo sviluppo della capacità di lettura critica dei messaggi mediatici. «Vorremmo aiutare a tirare su una cittadinanza attiva – conclude il responsabile, originario di Lanciano – sotto ogni punto di vista. La Radio non solo informa, ma potrebbe anche formare».

 

Altre notizie che potrebbero interessarti

Movida violenta a Sulmona: denunciate sei persone per rissa aggravata

Redazione IMN

VIDEO. Niglio nuovo capo della Squadra Mobile: «Io, un rugbista prestato alla giustizia»

Alice Pagliaroli

VIDEO. Boxe, il titolo nazionale dei pesi massimi conteso tra l’avezzanese Di Berardino e Cardillo

Alice Pagliaroli