INFO MEDIA NEWS
Cronaca NEWS SLIDE TV

24esimo giorno di ricerca: mobilitazione mai vista in Italia

24 giorni esatti di ricerche. Giorni pieni, escludendo le ore di domenica sera, di quel tragico 24 gennaio, quando partì l'allarme. Oggi ripartono le ricerche con squadre miste di terra.

Riprese ufficialmente stamattina le ricerche dei 4 dispersi di Avezzano sul Monte Velino.

Sono riprese sì, ma senza l’ausilio dell’elicottero, per la scarsa visibilità non in quota, ma nella zona stessa del decollo, quindi a valle. Una mobilitazione di forze e di energie, nonché di tecnologie, mai vista prima in Italia, in fatto di ricerche di dispersi e scomparsi in montagna, che potrebbe creare anche un precedente.

Domani, comunque, sarà un giorno cardine. Ovvero, si dovrebbe tenere una nuova riunione in Prefettura, a L’Aquila, dal cui tavolo si coordinano le ricerche a Valle Majelama. Una ennesima riunione per decidere se e come proseguire nei giorni in avanti. La notizia del tavolo presieduto dal Prefetto è ancora ufficiosa e non ufficiale, ma dovrebbe essere confermata nelle prossime ore.

A Forme, frazione di Massa d’Albe, le operazioni vengono coordinate dai Vigili del Fuoco. Su le condizioni sono ancora ostiche, per via delle ultime nevicate. Un altro metro di neve si è accumulato sul manto già presente, rendendo ancora più difficili gli spostamenti. Ma la notizia è che oggi, dopo lo stop forzato degli ultimi giorni a causa delle avverse condizioni meteo, si riparte e si va avanti.

Ieri pomeriggio, ha raggiunto il campo base anche il vice della Giunta Marsilio, Imprudente. Nella vita, lui stesso è un vigile del fuoco.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Striscione per Tonino, Gian Mauro, Gianmarco e Valeria

Ad Avezzano è apparso nella notte uno striscione con in nomi dei quattro escursionisti dispersi sul ...
Redazione IMN

Istituzione dell’Anno Ovidiano, Pezzopane: «Nuovo passo avanti in Senato»

Redazione IMN

Le vite dei briganti storici in una ‘vacanza-teatro’? A Sante Marie succede anche questo con il campus ‘Campo dei Ribelli-Briganti’

Gioia Chiostri