INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS SLIDE TV

2 giugno: il voto delle donne che cambiò la storia

La mattina del 2 giugno 1946 per la prima volta al voto furono chiamate anche le donne: alle urne si recarono 12.998.131 donne e 11.949.056 uomini

Il 2 giugno si festeggia la festa della Repubblica, ma anche un evento storico senza precedenti in Italia.

La mattina del 2 giugno 1946 per la prima volta il voto è stato aperto alle donne: una giornata storica, una pagina di storia fondamentale che ha aperto all’inclusione, ai discorsi di uguaglianza e parità di genere.

Tutti temi che oggi sembrano quasi scontati: discussioni, scontri politici, webinar e conferenze che, forse, non sarebbero esistiti senza quel voto alle donne che ha segnato un’epoca.

È finita la Guerra, è il 2 giugno 1946 in Italia si vota per il referendum istituzionale tra monarchia o repubblica e per eleggere l’Assemblea costituente.

Gli italiani scelgono la Repubblica, che supera con 12.718.641 voti le preferenze a favore della monarchia (10.718.502).

Quel voto fotografò – come spesso accade anche oggi, 75 anni dopo, un’Italia divisa in due: il Nord si confermò a maggioranza repubblicana, il Sud più monarchico.

Il sistema elettorale scelto per l’elezione della Assemblea costituente fu quello proporzionale, con voto diretto, libero e segreto a liste di candidati che concorsero in 32 collegi plurinominali per eleggere i 556 deputati.

Per la prima volta in Italia anche le donne furono chiamate al voto: votarono 12.998.131 donne (11.949.056 uomini). Alla fine le elette donne saranno 21.

L’Assemblea costituente si riunì per la prima volta il 25 giugno e lavorò fino al 31 gennaio del 1948.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Avezzano: in arrivo Voucher per i centri estivi

Come fare domanda.
Redazione IMN

VIDEO. Quake Saver è il prodotto dell’anno: per aprire la ‘porta’ alla prevenzione

Kristin Santucci

Discarica di Bussi, per la Cassazione non ci sono colpevoli

Redazione IMN