Spazio Pubblicitario

INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS PRIMA PAGINA SLIDE TV

Calendario della Polizia con gli scatti di Paolo Pellegrin

Il ricavato della vendita devoluto al Comitato italiano per l’Unicef

Il calendario istituzionale 2020 della Polizia di Stato affidato al fotografo Paolo Pellegrin, vincitore di dieci edizioni del World Press Photo.

Con i suoi scatti, Pellegrin ha voluto ritrarre l’attività operativa delle donne e degli uomini della Polizia di Stato, attraverso un racconto che mette a fuoco l’umanità dei poliziotti.

Anche quest’anno la realizzazione del calendario ha trovato la partenship di Unicef Italia Onlus. Il ricavato della vendita verrà devoluto al Comitato italiano per l’Unicef per sostenere il progetto connesso alla celebrazione del “Trentesimo anniversario della Convenzione ONU dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza”, occasione per riaffermare i diritti degli under 18.

Dal 2001 ad oggi sono stati raccolti circa 2 milioni e 650 mila euro e completati diversi progetti, tra cui il progetto UNICEF “Yemen” al quale la vendita dei calendari della Polizia di Stato 2019 ha permesso di devolvere 176.949 euro.

Tutti i cittadini potranno prenotare il calendario da parete (costo 8 euro) e il calendario da tavolo (costo 6 euro), entro il prossimo 23 settembre, facendo un versamento sul conto corrente postale nr. 745000, intestato a “ Comitato Italiano per l’Unicef”. Sul bollettino dovrà essere indicata la causale Calendario della Polizia di Stato 2020 per il progetto Unicef “Trentesimo anniversario della Convenzione ONU dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza”. La ricevuta del versamento dovrà poi essere presentata agli Uffici Relazioni con il Pubblico di tutte le Questure d’Italia che forniranno dettagli sulla consegna.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Luci accese sul Tribunale di Avezzano: le precisazioni di Giuseppe Di Pangrazio

Redazione IMN

Guardiano spaccia in spiaggia a Tortoreto: arrestato

Redazione IMN

Collarmele, 1 milione di euro per cambiare il volto del paese

Redazione IMN